venerdì, 7 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaSmog, si corre ai ripari....

Smog, si corre ai ripari. “Domeniche ecologiche a febbraio e marzo”

I Comuni dell'area fiorentina si sono incontrati questa mattina, coordinati dalla Provincia, per discutere le strategie per tenere sotto controllo le polveri sottili, considerati i già 18 sforamenti dal 1° gennaio ad oggi. Torna la possibilità delle domeniche a piedi, ma non solo: sarà chiesta la riduzione della velocità a 90 km/h in autostrada.

-

Inquinamento, si prova adarci un taglio.

IL TAVOLO. Questa mattina, in una riunione a cui hanno partecipato i comuni dell’Area Omogenea Fiorentina (Firenze, Signa, Lastra a Signa, Scandicci, Campi, Bagno a Ripoli, Sesto Fiorentino e Calenzano), coordinati dalla Provincia di Firenze, sono state discusse le strategie da porre all’attenzione della Regione Toscana.

SFORAMENTI. Il tavolo ha discusso le modalità per contenere le PM10 in atmosfera, dal momento che dal 1° gennaio ad oggi sono stati registrati già 18 sforamenti, a fronte dei 35 consentiti dalla vigente normativa europea. L’obiettivo, così come previsto dalla Regione, è quello di uniformare le modalità di risposta urgente al problema delle polveri sottili, avviare cioè in tutti i Comuni coinvolti le stesse azioni in grado di ridurre le emissioni in atmosfera a prescindere dal luogo in cui si è verificato lo sforamento di PM10.

PROPOSTE. Le ipotesi dibattute sono state così sintetizzate dall’assessore provinciale all’Ambiente, Renzo Crescioli: “Proponiamo di lanciare un pacchetto di misure in vigore dalle prossime settimane fino al 31 marzo. Inoltre valutiamo anche l’istituzione di alcune domeniche ecologiche per ridurre l’inquinamento. L’obiettivo è quello di ridurre l’impatto del PM10 da qui sino alla fine del mese di marzo, quando la situazione migliorerà sensibilmente in virtù dello spegnimento degli impianti di riscaldamento”. In definitiva, alcuni dei provvedimenti che nel 2010 venivano attuati tramite ordinanza comunale in modalità progressiva, potrebbero essere proposti in blocco a partire dalla prossime settimane. Nello specifico, la proposta prevede queste misure: la riduzione della temperatura del riscaldamento domestico a non più di 18 gradi e una limitazione nell’orario di accensione, per non più di 8 ore, con l’invito ai cittadini ad usare mezzi pubblici o veicoli non a motore. In più, alcuni veicoli più inquinanti, ossia ciclomotori e motocicli a due tempi, autovetture a benzina euro 1, autovetture diesel euro 2 e euro 3, veicoli per trasporto merci diesel euro 1 ed euro 0, avrebbero accesso limitato in alcune definite zone urbane dei vari Comuni. Questi provvedimenti, al vaglio adesso delle singole amministrazioni comunali, potrebbero entrare in vigore ed essere attuate continuativamente fino al 31 marzo.

BLOCCO DEL TRAFFICO. Nel caso in cui si dovessero verificare sforamenti di polveri per tre giorni consecutivi, il Coordinamento propone, comer misura più restrittiva, di allargare il blocco del traffico , per le categorie di veicoli sopra esposte, a tutto il territorio dell’Area Omogenea, salvo deroghe ed esenzioni particolari. Le domeniche ecologiche. Nella discussione di questa mattina è emersa anche la volontà di programmare due domeniche “ecologiche”, una nel mese di febbraio e una in marzo, per limitare le emissioni inquinanti delle automobili e per lanciare un messaggio di sensibilizzazione ai cittadini.

AUTOSTRADA. Il Coordinamento intende anche prendere una posizione relativamente al traffico che interessa il tratto autostradale fiorentino: I Comuni aderenti all’Area Omogenea sottoscriveranno una lettera da inviare ad Autostrade per l’Italia, Regione Toscana e al Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture per chiedere la limitazione della velocità a 90km/h , oltre che a valutare, secondo il principio “chi inquina paga” la possibilità di un indennizzo, da parte di Autostrade, i cui proventi doverebbero essere utilizzati per azioni di miglioramento della qualità dell’aria.

TRASPORTO PUBBLICO. Relativamente all’incentivazione del Tpl, il Coordinamento intende porre all’attenzione degli Assessori ai Trasporti della Provincia di Firenze Stefano Giorgetti e della Regione Toscana Luca Ceccobao la possibilità di inserire nel bando di gara per l’affidamento del servizio anche una serie di facilitazioni per coloro che utilizzeranno i mezzi pubblici nei giorni di blocco del traffico , oltre a misure che possano premiare il rinnovo delle flotte con mezzi meno inquinanti. In questi giorni, poi, i Comuni valuteranno singolarmente queste strategie, all’interno delle proprie Giunte comunali. Il Coordinamento dell’Area Omogenea si riunirà nuovamente venerdì pomeriggio, per approvare il pacchetto di misure od eventualmente modificarle. La delibera regionale che impone piani di azione antismog è arrivata in Palazzo Medici Riccardi il 27 gennaio: il Coordinamento ha 15 giorni di tempo per comunicare alla Regione i provvedimenti che intende attuare.

Ultime notizie