“Facilitare la vita”. Queste le parole con cui Stefania Fuscagni, consigliere reglionale del PDL, ha descritto la funzione della pubblica amministrazione. Proprio in quest’ottica, è stata realizzata la proposta di legge regionale “Disposizioni per lo svolgimento dei campeggi scout in Toscana”, che dovrebbe rendere più facile l’organizzazione di campi scout sul territorio toscano evitando così quella che la Fuscagni definisce “burocratizzaione del volontariato”.  Come ha sottolineato Nicola Danti, consigliere regionale del Partito Democratico e primo firmatario della proposta, la realizzazione di un maggior numero di campi scout in Toscana permetterà la valorizzazione economica di alcune aree della nostra regione, inoltre  favorì l’utlizzo delle aree protette a fini educativi. La proposta di legge, continua Danti, non prevede oneri diretti sul bilancio regionale e prevede, all’insegna della massima semplificazione, due soli atti amministrativi a carico della giunta regionale: l’approvazione di uno schema di domanda valido per tutto il territorio regionale e la definizione del testo del protocollo.

Soddisfazione anche da parte del consigliere Fabiana Angiolini (PD), che ribadisce l’importanza di questa proposta di legge nell’ambito di quanto previsto dalle legge regionale 32/2002 per la “continuità educativa” nel tempo libero. “In una fase di egoismo ed individualismo – ha spiegato l’Angiolini- una formazione che mette al centro la solidarietà ed il rispetto delle regole è una buona alternativa”. La proposta ha trovato un ampio sostegno in consiglio regionale ed è stata firmata da consiglieri appartenenti a diversi schieramenti politici. Al momento è stata assegnata alla V commissione, presieduta da Ambra Giorgi, una dei firmatari della proposta, per essere approvata. Probabilmente già i campi estivi della prossima estate potranno essere organizzati usufruendo della semplificazione burocratica prevista dalla proposta di legge. 
Presente alla presentazione della proposta di legge anche una delegazione di scout. Simone Silvestri, scout pisano, si ritiene soddisfatto soprattutto per l’appoggio trasversale che ha avuto la proposta ed ha fiducia nella prossima realizzazione di un modello unico per lo svolgimento delle attività di campeggio e dell’approvazione di un protocollo per i campi estivi.