martedì, 27 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Viale Europa, avanti tutta

Viale Europa, avanti tutta

-

Il Tar ha respinto il ricorso di un gruppo di cittadini che si opponeva alla realizzazione del piano di recupero che interessa la zona compresa tra viale Europa, via di badia a Ripoli e il viuzzo delle Lame, ovvero le aree Chini e Marfin che si estendono su un territorio di circa 6 ettari.

Il piano di recupero, la cui prima approvazione risale al 1998 e l’ultima è arrivata a fine 2006, prevede la realizzazione di aree verdi, un centro sportivo, un distaccamento del servizio sanitario per la Società della Salute, un centro servizi e un piccolo insediamento residenziale di cui il 20% riservato al Comune per l’affitto.

Il ricorso chiedeva l’annullamento, previa sospensione dell’esecuzione, di tutti gli atti avente per oggetto il piano di recupero e ovviamente del permesso di costruire e dell’autorizzazione della Soprintendenza ai beni ambientali e architettonici.

Una richiesta che il Tar non ha accolto perché, come si legge nella sentenza, “pur prescindendo dalle eccezioni formulate dalle controparti, dalle articolate e complesse censure formulate nel ricorso e nei motivi aggiunti non emergono comunque, ad un primo esame, apprezzabili profili di illegittimità dei provvedimenti impugnati” e ancora che “d’altra parte, per quanto concerne il profilo relativo al periculum in mora, gli interessi individuali di cui i ricorrenti sono portatori non appaiono prevalenti rispetto a quelli delle controparti pubbliche e private”.

Ultime notizie

Cinema chiusi per Covid, film già visto: “No al Dpcm, sì a misure locali”

Le piccole sale rischiano grosso dopo l'ennesima chiusura per l'emergenza Covid. Abbiamo sentito il presidente di Spazio Alfieri, una tra i cinema d'essai più conosciuti a Firenze

Quante persone possono partecipare ai funerali: regole del dpcm Covid

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus del 24 ottobre in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti e per cosa scatta il divieto

Quante persone al ristorante? Il numero massimo previsto dal nuovo Dpcm

Il nuovo Dpcm 24 ottobre dice che possono sedere allo stesso tavolo del ristorante non più di 4 persone, con una sola eccezione: cosa cambia con le nuove regole

Nuovo Dpcm ottobre 2020: il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

Chiusura delle palestre, "coprifuoco" anticipato per bar e ristoranti, semi-lockdown senza blocco degli spostamenti tra regioni: cosa prevede il testo del nuovo Dpcm di ottobre pubblicato in Gazzetta Ufficiale