Dal concerto di una band rivelazione, i romani Maneskin, all’inossidabile Loredana Bertè. E poi il circo contemporaneo, la comicità dei maestri dell’umorismo e gli spettacoli-lezioni sui capolavori dell’arte. Si delinea la stagione 2019 del TuscanyHall, l’ex Teatro Tenda di Firenze.

Ebbene sì, per molti fiorentini è rimasto tale, nonostante nel corso della sua vita abbia cambiato nome più volte. Adesso dice addio alla “vecchia” denominazione Obihall e dà il benvenuto alla nuova sponsorizzazione lunga 6 anni: dal primo gennaio 2019 fino al 2025 la struttura di lungarno Aldo Moro si chiamerà “Tuscanyhall” come il marchio “Tuscany la bellezza della carta” di Cartiere Carrara. Nella squadra di soggetti che sostiene il teatro anche la Banca di Cambiano e Unicoop Firenze.

La nuova stagione del TuscanyHall di Firenze

Sono già stati annunciati i primi eventi della stagione 2019 del TuscanyHall. I concerti più attesi sono quelli di Irama (22 marzo), Maneskin (13 marzo), Loredana Berté (29 marzo), la storica Pfm con un live dedicato a Fabrizio De André (28 marzo), ma in programma c’è anche il musical incentrato sulle canzoni di Pino Daniele “Musicanti” (14 febbraio), lo spettacolo circense del Cirque World (dal 4 gennaio), oltre alla “Grande storia dell’Impressionismo” narrata in una lezione-spettacolo dal divulgatore artistico Marco Goldin (primo febbraio). Spazio infine ai campioni dell’umorismo come Paolo Cevoli (22 febbraio), Maurizio Battista (12 aprile) e Andrea Pucci (9 maggio).

Non cambia solo il nome ma è previsto anche un restyling della struttura: nella sala arrivano due imponenti lampadari, gli stessi utilizzati da Jovanotti nel suo ultimo tour e acquistati all’asta benefica promossa dall'artista. E poi una nuova insegna, nuovi colori per il foyer, nuove divise per il personale.

La storia: prima Teatro Tenda, poi Saschall e infine Obihall

Nato nel 1978 come Teatro Tenda di Firenze, questo spazio negli anni si è evoluto. Nel 2002 il tendone ha lasciato spazio a una struttura permanente capace di accogliere fino a 2.300 persone, prendendo il nome di “Saschall”. Poi nel 2011 è stato ribattezzato “Obihall” e oggi, in onore del nuovo sponsor, “TuscanyHall”. Tra gli artisti e le band che ne hanno calcato il palco Patti Smith, Ligabue, Nick Cave, Sigur Ros, Moby, Muse, Simple Minds, Cesare Cremonini, Robert Plant, Joan Baez.