martedì, 22 Settembre 2020
Home Sezioni Eventi Il concerto di Zubin Mehta...

Il concerto di Zubin Mehta si sposta per sciopero

L'evento, in programma venerdì 6 maggio alle 20.30 al Teatro Comunale, ''non potrà aver luogo a causa dello sciopero nazionale proclamato dalla Cgil''. Si terrà quindi sabato 7 maggio alle 11. Ecco cosa deve fare chi ha già il biglietto ma non potrà essere presente sabato.

-

Sciopero Cgil, si sposta anche il concerto di Zubin Mehta con l’Orchestra e il Coro del Maggio Musicale Fiorentino.

SCIOPERO. “Siamo spiacenti di dover comunicare che il concerto diretto da Zubin Mehta previsto per venerdì 6 maggio, alle ore 20.30 al Teatro Comunale, non potrà aver luogo a causa dello sciopero nazionale proclamato dalla CGIL – annuncia una nota del Maggio Musicale – Scusandoci per il disagio e volendo offrire comunque il concerto al nostro pubblico, comunichiamo che il concerto stesso è stato ri-programmato sabato 7 maggio alle ore 11.00”.

RIMBORSI. Coloro che non potranno assistere al concerto sabato 7 maggio, hanno diritto al rimborso del biglietto, che potrà essere richiesto alla Biglietteria di Corso Italia da sabato 7 maggio a sabato 21 maggio in orario di apertura (ore 10.00-16.30 dal martedì al venerdì, ore 10.00-13.00 sabato).

Questo il programma del concerto:

“Ancora Zubin Mehta sul podio dell’Orchestra e del Coro del Maggio per un concerto che si apre con il primo appuntamento di questa edizione del Festival con un brano di musica contemporanea: Terra per grande orchestra di Luca Lombardi, uno dei più interessanti compositori italiani dei nostri giorni.

Si rinnova e si accresce così una tradizione di lunga data del Maggio: l’attenzione per ciò che di nuovo emerge dal panorama musicale italiano, con all’attivo un infinito numero di prime esecuzioni assolute o italiane nel corso della sua lunga storia. E Mehta riconferma la sua sensibilità nei confronti del repertorio contemporaneo, che il grande direttore indiano ha sempre voluto presente nei programmi dei suoi concerti. Segue uno dei massimi capolavori di Johannes Brahms, Ein deutsches Requiem, per soli, coro e orchestra, straordinario esempio di religiosità laica, senza alcuna intenzione liturgica o confessionale.

Su testi tratti dal Nuovo e dall’Antico Testamento, Brahms dà testimonianza del proprio senso del sacro con emozionante pudore di mezzi espressivi, in un intimo colloquio con ciò che ci trascende, rifacendosi ai grandi modelli delle opere corali di Bach, Beethoven e Mendelssohn rivissute con un linguaggio assolutamente personale. E con la musica brahmsiana, infine, Zubin Mehta ha un rapporto di affetto particolarissimo: come ha più volte dichiarato, decise di dedicarsi alla direzione d’orchestra proprio per poter dirigere le Sinfonie del grande maestro amburghese”.

ZUBIN MEHTA direttore
Chen Reiss soprano
Markus Brück baritono

Luca Lombardi | Terra
per grande orchestra
Pima esecuzione a Firenze

Johannes Brahms | Ein deutsches Requiem op. 45
per soli, coro e orchestra
su parole della Sacra Scrittura
I. Selig sind, die da Leid tragen
II. Denn alles Fleisch es ist wie Gras
III. Herr, lehre doch mich, daß ein Ende
IV. Wie lieblich sind deine Wohnungen
V. Ihr habt nun Traurigkeit
VI. Denn wir haben hie keine bleibende Statt
VII. Selig sind die Toten
Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino
PIERO MONTI maestro del coro

Per ulteriori informazioni:
Info e Prenotazioni: Biglietteria del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino
info 055 2779350, dal martedì al venerdì 10.00-16.30;
prevendita 055 28722, da martedì a venerdì 10.00 -16.30 / sabato 9.00-13.00;
Biglietteria Teatro Comunale, Corso Italia 16 – Firenze – fax: +39 055 287222;
Biglietteria on line, www.maggiofiorentino.com ; tickets@maggiofiorentino.com

Ultime notizie

Giani e i risultati delle regionali: “Ha vinto la Toscana”

Un discorso con al centro la Toscana: Giani sceglie di parlare soprattutto della sua regione, con pochi riferimenti alla politica nazionale. "Sarò sindaco tra i sindaci", dice il candidato del centrosinistra

Referendum 2020: affluenza alle urne ore 15, percentuale definitiva votanti

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari. Dove si è votato di più e dove di meno

Elezioni regionali Toscana 2020: affluenza definitiva al 62,61%

I dati definitivi sull'affluenza alle urne per le elezioni regionali 2020 della Toscana. In corso lo spoglio

Exit poll, regionali Toscana: Eugenio Giani in vantaggio

Grande attesa per i primi sondaggi sulle tendenze di voto: chi tra i 7 candidati diventerà presidente dalla Regione?