Il successo dell’Esercito è stato suggellato dal terzo posto della trentina Federica Dal Ri e dal quarto di Fatma Maraoui, che ha preceduto di un soffio Deborah Toniolo. Nella graduatoria per club, piazza d’onore per la Corradini Excelsior Rubiera grazie a Ivana Iozzia (sesta) e Gloria Marconi (settima); terza la squadra della Forestale.

Poco prima si era svolto il cross corto maschile (4 km), sotto una pioggia battente. Sin dall’inizio due keniani hanno preso il largo: Ezekiel Kiprotich Meli (Pol. Corso Italia Pisa) e Abraham Kipkemei Talam (Grottini Team). Vittoria finale per il primo, che quest’anno è stato quarto al recente cross della Vallagarina e dall’anno scorso vive a Siena, facendo parte del gruppo seguito da Enrico Dionisi. Alle spalle dei due, è piaciuto Stefano La Rosa, terzo e nettamente il miglior italiano davanti a Scaini e Di Pardo delle Fiamme Gialle. Le Fiamme Gialle hanno ripetuto la vittoria a squadre dell’anno scorso, davanti ai Carabinieri e all’Aeronautica.

Il programma si era aperto di primo mattino con la gara juniores femminile sui 5 km, dove Veronica Inglese (Atletica Gran Sasso) ha condotto una gara di testa per imporsi davanti all’avversaria di sempre nelle categorie giovanili, cioè la campionessa italiana in carica Valeria Roffino, e alla sarda Jessica Pulina dell’Atletica Ploaghe, classe ‘91.

La Roffino ha comunque portato al successo il proprio club, il Runner Team 99 di Volpiano, che detronizza l’Atletica Gran Sasso, prima nelle ultime due edizioni. Stavolta le teramane si sono piazzate terze, dietro anche al Cus Genova guidato da Laura Papagna, quarta nella classifica individuale.

Tra gli allievi (5 km) Marco Salvi dell’Atletica Gran Sasso ha avuto la meglio su Mekonen Magoga (Atletica Mogliano) e Yassine Rachik (Atl. Bergamo 1959 Creberg). Scudetto agli irpini del Montemiletto Team Runners, davanti a Running Club Futura e Atletica Mogliano.

Nella gara femminile per allieve sui 4 km, vittoria per Valentina Marchese (Fondiaria Sai) su Martina Merlo (Cus Torino) e Valentina Elli della Ilpra Vigevano, che ha conquistato il titolo a squadre davanti a Cus Torino e Studentesca Ca.Ri.Ri.

Le Fiamme Gialle hanno conquistato il loro quarto titolo italiano consecutivo nel cross lungo maschile (10 km). Protagonista assoluto è stato Gabriele De Nard, chiaro vincitore della gara individuale. Il trentaquattrenne bellunese di Sedico, con il suo fisico potente è riuscito ad esprimersi al meglio su un tracciato che era già carico di fango, nonostante la pioggia avesse concesso una tregua. Dietro a De Nard, si è distinto il giovane Bernard Dematteis, e terzo il marocchino Kaddour Slimani (Cover Mapei), di fronte al keniano Matthew Kiprotich Rugut e all’altro marocchino Hamid El Mouaziz, poi Denis Curzi e il finanziere Daniele Caimmi, a garantire il successo di squadra sui Carabinieri e sull’Atletica Potenza Picena, che organizzerà gli Assoluti di cross il prossimo 15 marzo.

Nel corto femminile (4 km) successo come da pronostico per la Forestale, guidata da una pimpante Silvia Weissteiner. L’allieva di Ruggero Grassi si è affermata sulla compagna di squadra e corregionale Renate Rungger. Il terzetto vittorioso è stato completato da Agnes Tschurtschenthaler, quinta e preceduta sul traguardo dalla marocchina Asmae Ghizlane e da Giulia Francario dell’Esercito, secondo nella graduatoria per club davanti al Running Club Futura. Silvia adesso si cimenterà nell’attività al coperto, per ben figurare agli Europei indoor di Torino.

L’ultima gara in programma era quella per gli juniores (8 km), dove ha brillato Marouan Razine, marocchino del Cus Torino. Oltre mezzo minuto il suo vantaggio su Dario Santoro (Ass. Gargano 2000), seguito da Michele Fontana (Atl. Lecco Colombo Costruzioni). La squadra del Marathon Uoei Trieste si è confermata campione d’Italia a dodici mesi di distanza dall’edizione di Monza, precedendo Cus Torino e Promosport. Nelle classifiche combinate, vittorie per l’Atletica Bergamo 1959 Creberg tra i maschi e del Cus Torino in campo femminile.

Nonostante le avverse condizioni atmosferiche, gli organizzatori dell’Atletica Campi Universo Sport ed il Comune di Campi Bisenzio sono riusciti a portare egregiamente a termine la manifestazione, che con i suoi oltre 1700 partecipanti si è dimostrata un vero festival della corsa campestre italiana.

La Finale Nazionale C.D.S. Cross è la manifestazione più rappresentativa dell’Atletica Leggera, nella quale sono presenti importanti società a livello nazionale (militari comprese) con i più forti atleti italiani del mezzofondo ed alcuni atleti stranieri. Le esperienze maturate negli anni dell’Atletica Campi Universo Sport ed il supporto dell’Assessorato allo Sport hanno consentito alla Federazione lo svolgimento di questa manifestazione a Campi Bisenzio.