Sicuramente interessante il match delle ragazze di Furio Ferri che in Sicilia, alle 15, devono vincere per rimanere agganciate al sesto posto in classifica che permette l’ingresso nei play off scudetto. “Siamo pacatamente entusiasti, ma a Messina sarà una battaglia – spiega l’allenatore biancorosso – per due motivi. Primo per le condizioni climatiche. Giochiamo all’aperto e chi non è abituato fa una gran fatica. E poi perché Messina vorrà fare risultato a tutti i costi”. Ferri, soddisfatto di come si stanno comportando le ragazze chiede un ulteriore sforzo per consolidare la classifica: “Dobbiamo dimostrare, da tutti i punti di vista, di meritarla questa classifica magari cercando anche di migliorarla. Per questo dico che, a cominciare da Messina, saranno tutte battaglie che noi dovremo affrontare con determinazione e con quella voglia di far bene che ci ha accompagnato finora”.

Semplice appare, invece, il compito della Fiorentina che alle 18, alla piscina Nannini, affrontano una Roma che già all’andata fu strapazzata (14-6) senza appello. “La squadra ha recuperato tutte le ragazze dall’influenza di stagione – ha commentato Gianni De Magistris – ed anche la Masi sta migliorando; credo che Jessica sarà pronta per la trasferta di mercoledì. Rispettiamo la Roma perché è un’avversaria da non sottovalutare e poi perché la miglior condizione si trova affrontando gli incontri sempre con la massima determinazione. Io sono dell’idea che non esistono partite facili e anche contro la Roma sarà importante restare concentrati per tutta la gara per conquistare la quindicesima vittoria e, soprattutto, per riuscire ad eliminare quei piccoli passaggi a vuoto che ogni tanto ci capita di avere nel corso delle partite”.

Nell’anticipo della quindicesima giornata del campionato maschile di serie A1 la Rari Nantes Florentia si è imposta sul Catania per 12-6 grazie anche alle triplette di Pagani e Radu ed alle doppiette di Sottani e Mattesini. Rari sempre in zona play off scudetto. In forse il turno infrasettimanale di campionato, previsto per mercoledì prossimo 18 febbraio, per lo sciopero indetto dagli arbitri che protestano contro la Federnuoto per le mancate promesse sui rimborsi spesa.