venerdì, 3 Dicembre 2021
HomeSezioniTendenzeCome attivare una pec per...

Come attivare una pec per privati e garantire una comunicazione certificata

-

La PEC, cioè la Posta Elettronica Certificata, è obbligatoria per tutti coloro che sono iscritti nel registro delle imprese, siano ditte individuali, società, aziende o professionisti. Mentre per i cittadini è facoltativa. Tuttavia, sono in tanti a domandarsi come poter attivare una pec per privati così da avere delle comunicazioni sicure e certificate.

Perché attivare una PEC per privati

Partiamo innanzitutto con lo specificare che l’attivazione di una PEC è volta a garantire validità legale alle comunicazioni inviate tramite questo strumento digitale. Grazie, infatti ai protocolli avanzati di sicurezza implementati, il contenuto di ogni messaggio viene conservato e giunge al destinatario inalterato.

L’utente può attivare una PEC per privati usando i propri dispositivi (pc o smartphone), in quanto la procedura da seguire è molo semplice ed ovvero:

  • Prima di tutto bisogna individuare il sito di riferimento che offre il servizio che si sta cercando, vagliarne i tariffari proposti e scegliere quello più adatto alle proprie esigenze e disponibilità economiche;
  • Creare delle credenziali, inserendo i propri dati personali richiesti (cioè compilando i campi obbligatori), caricare un documento di identità riconosciuto;
  • Pagare l’abbonamento selezionato tramite tradizionali metodi di pagamento elettronico. Generalmente poi l’abbonamento si rinnova automaticamente. In altri casi, invece, viene inviata una comunicazione che invita l’utente al rinnovo della casella prima che scada.

I vantaggi di avere una pec per privati attivi

A questo punto ci si domanderà quali siano in vantaggi che derivano dalla decisione di attivare una PEC per privati. Ovvero, la PEC offre un servizio:

  • Semplice, dato che sia possibile inviare sia un’email PEC che una tradizionale email, così come ricevere messaggi PEC;
  • Sicuro, grazie ai protocolli di sicurezza implementati per preservare tutte le comunicazioni che vengono inviate o ricevute tramite pec, crittografandole al fine di garantire l’inalterabilità e l’integrità di ogni messaggio o allegato;
  • Dal valore legale, identico a quello che ha una raccomandata di andata e ritorno, ma con l’unica differenza che la pec venga gestita virtualmente;
  • Di protezione da virus e spam, tramite la verifica e l’identificazione del mittente del messaggio. In questo modo infatti si evita anche che la comunicazione finisca nelle cartelle di spam/phishing.

Ma a cosa serve ai privati essere in possesso di una PEC? La Posta elettronica certificata può essere utile per:

  • Stipulare un contratto d’affitto;
  • Dover disdire delle polizze assicurative o delle utenze di fornitura;
  • Inviare o ricevere comunicazioni di enti o inviti di partecipazione a riunioni (come la riunione di condominio);
  • Ricevere e visualizzare le fatture elettroniche;
  • Inviare documenti alla PA (pubblica amministrazione);
  • Poter partecipare a concorsi pubblici.

Questi, in conclusione, possono essere i principali motivi che fanno sì che un privato di sua iniziativa decida di attivare una PEC, assicurandosi in tal modo che ogni comunicazione inviata e ricevuta sia tracciata e sicura.

Insomma, tramite PEC anche il cittadino potrà assicurarsi che ogni messaggio inviato tramite email giunga a destinazione. Il servizio infatti notifica, quando il destinatario possiede una pec, l’avvenuta ricezione (o segnala una mancata ricezione).

Ultime notizie