martedì, 24 Novembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica 450mila euro per i libri...

450mila euro per i libri della scuola primaria

Il Comune di Firenze spenderà 450mila euro per dotare le scuole primarie dei libri di testo

-

L’ASSESSORE. «Uno sforzo importante per il bilancio del Comune – ha sottolineato l’assessore all’educazione Rosa Maria Di Giorgi – che, nonostante il relativo mancato trasferimento di risorse da parte dello Stato, ha deciso comunque di supportare il diritto allo studio di tutti i bambini che frequentano le scuole primarie della città».

L’ACCORDO. Nei giorni scorsi assessorato e librai hanno sottoscritto un accordo che permetterà, in vista dell’anno scolastico 2010/2011, di diminuire i costi per la fornitura di libri di testo. Il protocollo d’intesa, siglato dall’assessore Di Giorgi con Confesercenti e Confcommercio, prevede uno sconto sulla cosiddetta ‘cedola libraria’ del 1,3%.

I LIBRI. Agli alunni delle scuole primarie (statali e private paritarie) i libri di testo sono forniti gratuitamente dal Comune, attraverso la consegna di un buono-acquisto (o cedola libraria) che le famiglie possono utilizzare presso un qualunque fornitore.

Notizia precedenteLavori in corso
Notizia successivaIn evidenza

Ultime notizie

Babbo Natale passa anche col Covid? I consigli della psicologa del Meyer

Tanti bambini chiedono se Babbo Natale passerà anche quest'anno, nonostante il coronavirus. Il Reporter ha chiesto consiglio a una psicologa infantile del Meyer su come vivere queste strane feste insieme ai più piccoli

Quanti contagiati oggi in Italia: record di morti e casi in aumento

I dati del 24 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Covid Toscana 24 novembre: contagi sotto quota 1.000. I dati del bollettino

Giù nuovi contagi, ricoverati e persone attualmente positive. Resta alto il numero dei morti. I principali del del bollettino Covid della Regione Toscana, aggiornato al 24 novembre 2020

Dove si può viaggiare nonostante il Covid

Sembra strano, ma andare all'estero è ancora possibile: i paesi dove si può viaggiare e le regole in vigore fino al 3 dicembre