martedì, 27 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Al via "Sicuro non cado"

Al via “Sicuro non cado”

Al via su tutto il territorio regionale “Sicuro non cado”, la campagna d'informazione per la sicurezza nei cantieri. La campagna si concentra in particolare sulle cadute dall'alto, la principale causa di infortunio nel settore delle costruzioni.

-

“SICURO NON CADO”. E’ lo slogan della nuova campagna di informazione e comunicazione sulla sicurezza sul lavoro e, in particolare, sul problema delle cadute dall’alto, che rappresentano il 60% degli infortuni mortali in edilizia. La campagna è realizzata dall’assessorato per il diritto alla salute in collaborazione con Italcementi e Ance Toscana.

IL VADEMECUM DI OTTO PUNTI, IN QUATTRO LINGUE .  La campagna prevede la distribuzione di un vademecum in otto punti, con l’indicazione dei principali accorgimenti utili per prevenire le cadute. Gli incidenti sono spesso causati da un eccesso di fretta, da una sottovalutazione del pericolo, da una scarsa percezione del rischio. Gli infortuni sono spesso legati alla scarsa conoscenza degli accorgimenti necessari per lavorare in sicurezza oppure al mancato rispetto delle norme in materia. Il vademecum sarà distribuito a lavoratori e datori di lavoro non solo in italiano, ma anche tradotto in quattro lingue straniere (albanese, rumeno, francese e arabo).

MAGLIETTE, SACCHI, TELONI CON “SICURO NON CADO”. Lo slogan “Sicuro non cado” sarà stampato su migliaia di magliette e su 150 mila sacchi contenenti il cemento utilizzato nei cantieri. Sarà inoltre stampato in gigantografia sui teloni a copertura delle impalcature. La campagna sarà pubblicizzata anche attraverso locandine, colantini, inserzioni sui quotidiani, messaggi sui bus e spot radiofonici.

E’ possibile leggere il vademecum “Sicuro non cado” a questo indirizzo: http://www.regione.toscana.it/sicurononcado

Notizia precedenteCotto d’Impruneta, gratis
Notizia successivaBoom vacanze per l’estate

Ultime notizie

Cinema chiusi per Covid, film già visto: “No al Dpcm, sì a misure locali”

Le piccole sale rischiano grosso dopo l'ennesima chiusura per l'emergenza Covid. Abbiamo sentito il presidente di Spazio Alfieri, una tra i cinema d'essai più conosciuti a Firenze

Quante persone possono partecipare ai funerali: regole del dpcm Covid

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus del 24 ottobre in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti e per cosa scatta il divieto

Quante persone al ristorante? Il numero massimo previsto dal nuovo Dpcm

Il nuovo Dpcm 24 ottobre dice che possono sedere allo stesso tavolo del ristorante non più di 4 persone, con una sola eccezione: cosa cambia con le nuove regole

Nuovo Dpcm ottobre 2020: il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

Chiusura delle palestre, "coprifuoco" anticipato per bar e ristoranti, semi-lockdown senza blocco degli spostamenti tra regioni: cosa prevede il testo del nuovo Dpcm di ottobre pubblicato in Gazzetta Ufficiale