Numeri importanti, dunque, per Pitti Uomo numero 78, in programma alla Fortezza da Basso fino a venerdì.

Si chiama Design Watching il tema generale di questa edizione. È un’incursione curiosa e indiscreta del mondo della moda nel mondo del design attraverso le suggestioni e gli appunti visivi / sonori / verbali raccolti da una pattuglia di design watchers – buyer, giornalisti, curatori, designer e opinion leader – individuati nella community internazionale dei Pitti People. A questi è stato chiesto di individuare i loro nuovi oggetti di design preferiti – tra spirito artigianale e contemporaneità – con il coordinamento di Cristina Morozzi.

L’allestimento sarà curato da Patricia Urquiola, che creerà un’ideale continuità tra layout degli spazi esterni e interni della manifestazione, assieme anche a una nuova proposta di aree relax e speciali installazioni dedicate al cibo, firmate con i prodotti di Taste, la rassegna di Pitti Immagine dedicata alle nicchie di qualità della gastronomia italiana. Una nuova testimonianza della vocazione allo stile e al design e della trasversalità delle manifestazioni Pitti, sempre più contenitori pensati per le nuove tendenze del lifestyle oggi. Tra i design watchers coinvolti ci sono Roberta Valentini di Penelope, Giusi Ferré, Max Kibardin, Joerg Koch del magazine 032C, Stefano Roncato, La Pina e altri ancora.
    
NOVITA’. Ecco alcune delle principali novità e anteprime all’interno del salone:

il nuovo corso di C.P. Company, presentato in anteprima a Firenze con una performance-evento che vedrà protagonista un capo icona del marchio, la Goggle jacket;

il significativo ritorno in Fortezza di un protagonista del jeanswear contemporaneo, G-Star Raw, che mette in scena la collezione Raw Essentials;

la presentazione esclusiva del nuovo progetto Made in the USA firmato Levi’s® Vintage Clothing;

il lancio della collezione disegnata da Roberto Menichetti per Brema;

l’esordio dello speciale progetto denim statunitense targato GCW; 

la presentazione di un nuovo prodotto di sicurezza, la Life Jacket targata Brembo;

Daks, storico brand inglese, presenta il nuovo corso in fase di grande rilancio;

il nuovo progetto di Seventy: Pulse.

NARDELLA. “E’ un’edizione che si annuncia molto interessante, all’insegna di una ripresa del settore tessile e dell’abbigliamento – afferma il vicesindaco Dario Nardella, che stamani ha rappresentato il Comune di Firenze alla cerimonia inaugurale – per l’amministrazione è estremamente importante il fatto che in occasione dell’inaugurazione tutti i partecipanti abbiano richiamato la necessità di investire sulle nuove generazioni attraverso la formazione, la ricerca e il sostegno alla creatività”.Il vicesindaco sottolinea come “la macchina amministrativa abbia ben funzionato, per garantire il miglior livello possibile della viabilità e dei servizi (taxi, accoglienza etc.)”. “La città accoglie Pitti in un momento di grande fermento e dinamismo – conclude Nardella – come testimoniato da tutte le indagini nazionali e internazionali, che vede Firenze come locomotiva della ripresa sul mercato turistico internazionale e del made in Italy”.