mercoledì, 2 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Alloggi per i meno abbienti

Alloggi per i meno abbienti

assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica

-

Da lunedì 8 settembre si possono presentare le domande per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica che si renderanno disponibili nel comune di Firenze. Il bando (che scadrà il 6 novembre) è stato presentato oggi in Palazzo Vecchio dall’assessore alle politiche per la casa Paolo Coggiola.

“Si tratta del bando che viene indetto ogni quattro anni – ha spiegato l’assessore Coggiola – che differenzia da quello del 2004 solo per la parte relativa il reddito convenzionale che è stato adeguato. Dopo i 60 giorni necessari alla chiusura del bando, sarà pubblicata la graduatoria provvisoria, cui seguirà il periodo per i ricorsi, fino alla redazione della graduatoria definitiva ipotizzabile per la fine del prossimo anno”.

L’assessore Coggiola ha ricordato che nel 2004 le domande presentate furono 4.029 da famiglie italiane e 1.248 da famiglie straniere e che la graduatoria definitiva era composta 3.436 nuclei familiari. “A fronte di questi numeri – ha sottolineato l’assessore Coggiola – in questo quadriennio abbiamo effettuato 408 assegnazioni cui si aggiungono una media annuale di 150 alloggi liberati e riassegnati. Ciò dimostra come il fabbisogno abitativo sia più che mai insoddisfatto. Se non interverranno risorse statali le risposte che potremo dare saranno certamente insufficienti, soprattutto in considerazione della prevedibile crescita delle domande”.

Anche i programmi in corso in varie zone della città (alcuni in corso e altri già progettati e finanziati, ma da iniziare) a Sorgane, Pesciolino, ex Sime, Murate, Canova, Santa Maria a Cintoia, San Lorenzo a Greve, Pontignale per un totale di 305 alloggi (più altri 95 a canone calmierato) riusciranno solo ad attenuare il problema. “A ciò – ha concluso l’assessore Coggiola – si aggiunge il congelamento di circa 4 milioni e mezzo di euro stanziati dal precedente governo destinati alle ristrutturazioni e già disponibili, che il governo Berlusconi intende inserire in un futuro piano casa”.

Possono partecipare al bando i cittadini italiani o di uno Stato aderente all’Unione Europea, residenti o che esercitano attività lavorativa a Firenze; gli stranieri appartenenti ad altri Stati, titolari di carta di soggiorno e quelli regolarmente soggiornanti in possesso di permesso di soggiorno almeno biennale e che esercitano una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo.

Per essere ammessi occorre: avere un reddito convenzionale (relativo all’anno 2007), calcolato con le modalità indicate dalla Legge regionale 96/96 non superiore a 14.120 euro; non essere proprietari di alloggi idonei per il proprio nucleo familiare la cui dimensione o rendita siano superiori ai limiti previsti dalla medesima legge; non occupare senza titolo alloggi di edilizia residenziale pubblica

Le domande dovranno essere compilate su appositi moduli messi a disposizione dal Servizio Casa. Le stesse possono essere ritirate e presentate entro e non oltre il 6 novembre presso gli uffici del Servizio Casa (viuzzo delle Calvane 3) aperto al pubblico martedì dalle 8.30 alle 13 e dalle 15 alle 17, mercoledì dalle 8.30 alle 13 e giovedì dalle 15 alle 17. I cittadini possono rivolgersi anche presso gli URP del Comune di Firenze: ovvero in via Carlo Bini 5 (aperto dal lunedì al sabato 9-13, giovedì anche 14.30-17.30), piazza Santa Croce 1 (aperto dal lunedì al venerdì 9-13, giovedì anche 14.30-17.30), via Tagliamento 4 (aperto dal lunedì al sabato 9-13, giovedì anche 14.30-17.30), Parterre in piazza della Libertà 12 (aperto dal lunedì a sabato 9-13, giovedì anche 14.30-17.30), Villa Vogel in via delle Torri 23 (aperto da lunedì al sabato 9-13, giovedì anche 14.30-17.30) e in piazza I° maggio (dal lunedì al venerdì 9-13, giovedì anche 14.30-17.30).

Le domande possono essere presentate anche all’Archivio generale del Comune di Firenze dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e il martedì e giovedì anche dalle 15 alle 17. È possibile inviare la domanda per raccomandata postale con ricevuta di ritorno (in questo caso accludere documento di identità del richiedente) indirizzandola a: Comune di Firenze Direzione Patrimonio, viuzzo delle Calvane 3, 50127 Firenze. Il Bando, il modulo di domanda e le relative istruzioni sono scaricabili anche nella Rete Civica del Comune di Firenze

Per tutte le informazioni – oltre che alla direzione patrimonio e agli Urp – è possibile rivolgersi anche alle associazioni dei sindacati degli inquilini Conia (via Acciaiolo 38/b Scandicci), Sicet (via Carlo del Prete 135), Sunia (via delle Porte Nuove 15°), Uniat (via Colcos 15), Unione Inquilini (via de’ Pilastri 41r).(fd)

Notizia precedenteFiliera corta in piazza
Notizia successivaRiapre via del Sansovino

Ultime notizie

Bonus collaboratori sportivi dicembre: come richiedere l’indennità

Arriva la sesta "mensilità" per atleti, tecnici e lavoratori amministrativi delle società sportive. Come funziona la domanda per l'indennità, cosa fare la prima volta e a cosa stare attenti se si è già ricevuto il bonus

Innovazione, l’Università di Firenze lancia un master in trasformazione digitale

Si chiama "Digital Transformation. Progettare e gestire l’innovazione" il master al via all'Università di Firenze

Covid, in Toscana 776 nuovi casi: il bollettino del 2 dicembre

I dati dal bollettino della Regione sui contagi di Covid in Toscana al 2 dicembre 2020: nuovi casi, andamento e punto della situazione

Cashback, bonus di Natale 2020: come funziona, l’app IO e lo Spid

A dicembre un rimborso da 150 euro per chi fa shopping nei negozi fisici e paga con le carte elettroniche o con il cellulare: ecco come richiederlo e a cosa serve l'app