lunedì, 29 Novembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaAttacco alla rete dei cyber...

Attacco alla rete dei cyber pirati: denunciati 5 toscani

Tra i 15 italiani, di cui 5 minorenni, accusati di far parte della rete internazionale di hacker, denominata 'Anonymous', ci sono anche un fiorentino e altri 4 toscani. Si tratta di giovani di età compresa tra i 15 e i 28 anni che da gennaio ad oggi hanno attaccato siti istituzionali italiani e di importanti aziende.

-

Tra i 15 italiani, di cui 5 minorenni, accusati di far parte della rete internazionale di hacker, denominata ‘Anonymous’, ci sono anche un fiorentino e altri 4 toscani. Si tratta di giovani di età compresa tra i 15 e i 28 anni che da gennaio ad oggi hanno attaccato siti istituzionali italiani e di importanti aziende.

ATTACCHI AI SITI ISTITUZIONALI E ALLE AZIENDE NAZIONALI. Le indagini condotte dal Centro nazionale anticrimine informatico hanno accertato che il gruppo italiano forniva anche appoggio per incursioni informatiche ad hacker stranieri. Tra i siti internet presi di mira dal gruppo di cyber pirati in particolare quelli della Camera, del Senato, del Governo, dell’Agcom e di importanti aziende nazionali come l’Eni, l’Enel, la Finmeccanica, Mediaset e Rai. I reati contestati sono di accesso abusivo in sistema informatico, danneggiamento a sistema informatico e interruzione di pubblico servizio.

USANO GROSSI SERVER A PORTATA DI TUTTI. Per comunicare tra loro e organizzare le varie azioni di attacco informatico, venivano utilizzati noti siti di chat oltre alle pagine di ‘Anonymous’ dei social network come Facebook e Twitter. “Mentre in passato – ha spiegato il vice questore aggiunto Tommaso Palumbo, diretto del Cnaipic della polizia di Stato – erano necessari per l’attacco informatico centinaia di ragazzi che collegandosi facevano saltare il sito, oggi si utilizzano grossi server che mandano in tilt il sistema utilizzando quindi apparecchiature veramente alla portata di tutti”.

L’APPELLO DI ANONYMOUS AI CITTADINI ITALIANI. Ma è con un video diffuso su Youtube che il cyber attivisti di ‘Anonymous’ fanno chiarezza sulla loro posizione, poche ore dopo il blitz della polizia delle comunicazioni. “I media hanno diffuso notizie infondate – spiegano da Anonymous – la verità è che Anonymous non è stata smantellata. Anonymous non ha capi, non ha struttura. Gli Anonymous operano tutti allo stesso livello”. Per questo hanno deciso di lanciare un appello, rivolto all’intera rete e ai cittadini italiani. “Abbiamo bisogno di voi! Fatevi sentire, più forti che mai”.

 

Ultime notizie