martedì, 22 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Calabria e Toscana contro il...

Calabria e Toscana contro il racket

La creazione di na rete di solidarietà tra regioni, enti locali ed associazioni di volontariato e categoria per combattere la criminalità e la prevaricazione che mette in atto nei confronti delle imprese. E' questo l'obiettivo del progetto "Calabria e Toscana, regioni antiracket", che si prirà il 15 aprile con un convegno nazionale a Palazzo Vecchio nel Salone dei Duecento.

-

Il progetto prevede una serie di azioni di sensibilizzazione ed incontro, che andranno avanti a Firenze per oltre due settimane e che uniscono la promozione della cultura della legalità con quella dei prodotti di qualità, per sostenere le imprese calabresi, in particolare quelle che hanno subito e denunciato estorsioni ed attentati mafiosi opponendosi pubblicamente al racket.

All’iniziativa del 15 aprile, che si basa sui contenuti del protocollo di collaborazione sottoscritto da Regione Toscana e Regione Calabria e dei legami di legalità stipulati fra il Comune di Firenze e il Comune di Locri, prenderanno parte personalità del mondo della politica, università, istituzioni e giustizia. E sarà anche l’occasione per illustrare il progetto della ‘Rete civica di solidarietà antiracket’.

Ultime notizie

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Pisa

Nardini e Mazzeo fanno il pieno di preferenze, in consiglio anche Meini: i candidati eletti e tutte le preferenze della circoscrizione Pisa

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Lucca

I candidati eletti e tutte le preferenze della circoscrizione Lucca: passano Puppa, Mercanti, Montemagni e Fantozzi

Fiera Scandicci 2020: più date in programma, gli eventi

Area espositiva più piccola, ma con maggiore tempo per visitarla. E poi stand tematici che cambiano di settimana in settimana. Le novità di Scandicci Fiera 2020 e gli appuntamenti

Paesi con divieto di ingresso in Italia: ecco quelli che non possono entrare

Solo i cittadini di certi paesi possono entrare in Italia senza restrizioni: per alcuni resta l'obbligo di quarantena, una quindicina i paesi bloccati