giovedì, 25 Febbraio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Covid, “A Firenze oggi contagi...

Covid, “A Firenze oggi contagi altissimi”: ordinanza anti-assembramenti

"La situazione è preoccupante", dice il sindaco di Firenze Dario Nardella, che a fronte dell'impennata di contagi firma un'ordinanza anti-Covid

-

Un dato “mai visto se non prima di Natale”, sono “numeri altissimi”. Così il sindaco Dario Nardella ha commentato i numeri del bollettino di oggi, 4 febbraio: nell’ultima giornata i nuovi contagi di Covid a Firenze e nella città metropolitana sono stati 221, con un’impennata rispetto ai giorni precedenti. Il primo cittadino è intervenuto alla trasmissione “L’aria che tira” su La7. Intanto, come annunciato nei giorni scorsi, arriva una nuova ordinanza del Comune contro gli assembramenti nel centro di Firenze: durante il weekend sono previsti maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine e scatta il “divieto di sosta” per i pedoni nella zona di Sant’Ambrogio.

I dati di oggi: contagi di Covid a Firenze (4 febbraio)

I numeri fiorentini riflettono l’andamento della curva epidemiologica in Toscana, dove i nuovi casi positivi al coronavirus oggi sono schizzati a quota 760. Se si guardano i numeri assoluti, Firenze oggi (4 febbraio) è la provincia toscana dove si è registrato il dato maggiore di nuovi contagi da Covid-19: solo nel comune gigliato vengono segnalati 64 casi in più, 15 a Campi Bisenzio, 11 a Scandicci. 66 invece nei comuni dell’empolese. Per trovare cifre così alte bisogna andare indietro fino ai bollettini di inizio dicembre. E il trend negli ultimi giorni è in crescita.  Dei 22 morti comunicati oggi dalla Regione, 10 decessi sono stati registrati nella Città metropolitana di Firenze, che risulta seconda in Toscana per il tasso di letalità del coronavirus con una media di 143 vittime ogni 100.000 abitanti.

Il sindaco Nardella si dice preoccupato per la situazione. “Avevo messo in guardia più volte da questa impennata invitando tutti ad evitare assembramenti festaioli e ritrovi di gruppo soprattutto nel fine settimana – dice – Ora dobbiamo fare i conti con i fatti: niente è ancora perduto, possiamo evitare di passare in fascia superiore di restrizione, se ognuno fa per davvero la sua parte e se limitiamo ulteriormente le occasioni di contatto in ogni situazione, di lavoro, familiare e di divertimento”.

La nuova ordinanza anti-assembramenti nel centro di Firenze

Nardella ha firmato una nuova ordinanza anti-Covid per scoraggiare gli assembramenti nei luoghi più a rischio per i contagi. Dal 5 febbraio, ogni venerdì e sabato, dalle 18 alle 22, l’accesso alla zona di Sant’Ambrogio sarà limitato e sarà vietato lo stazionamento dei pedoni, eccezion fatta per chi si metterà in fila (mantenendo distanza e mascherina) davanti ai locali legittimamente aperti.

Il provvedimento riguarda l’area compresa tra piazza Beccaria (esclusa), Borgo La Croce, piazza Sant’Ambrogio, via Pietrapiana, via Giuseppe Verdi, via dell’Agnolo, viale Giovine Italia (escluso). Chi non rispetta l’ordinanza anti-Covid del Comune di Firenze rischia una multa da 400 a 1.000 euro, la stessa prevista per le altre misure contro il contagio. Annunciati maggiori controlli da parte di carabinieri, polizia, guardia di finanza e polizia municipale.

Ultime notizie

Il colore della Toscana la prossima settimana: zona arancione o rossa?

Osservate speciali Pistoia e Siena. Il colore della Toscana prossima settimana sembra probabile che resti lo stesso, ma per metà marzo si riaffaccia il rischio di passare da zona arancione a rossa

Dati, Covid in Toscana: oggi più di 1.300 contagi. Bollettino del 25 febbraio

La soglia psicologica degli oltre 1.000 contagi giornalieri non veniva superata ormai da due mesi e mezzo. Sopra quota 1.000 anche in ricoveri. Ecco i dati del bollettino Covid della Regione Toscana aggiornato a oggi (25 febbraio)

In quanti in macchina: zona gialla, arancione e rossa, quante persone in auto

Si può stare in tre in auto, se ci si trova in zona gialla, arancione e rossa? E in quanti si può viaggiare in macchina se si fa parte dello stesso nucleo familiare? Le regole del Dpcm anti-Covid e del decreto legge Covid del governo Draghi

La Fiorentina deve guardare avanti, parola di Benzivendolo

Sorprese, delusioni, chi deve restare e chi deve andare via se la Fiorentina vuole tornare grande. Secondo il "Benzivendolo" Andrea Di Salvo è già tempo di scelte forti