venerdì, 7 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaDopo la tassa di scopo...

Dopo la tassa di scopo arriva la tassa di immagine: lievita ”l’affitto” delle piazze

Allestire un evento in una delle piazze storiche fiorentine costerà di più. I canoni sono ancora da stabilire, ma quel che è certo è che non basterà più pagare la semplice occupazione di suolo pubblico. Perché non tutti i suoli e gli sfondi sono uguali.

-

Allestire un evento in una delle piazze storiche fiorentine costerà di più. I canoni sono ancora da stabilire, ma quel che è certo è che non basterà più pagare la semplice occupazione di suolo pubblico. Perché non tutti i suoli e gli sfondi sono uguali.

REGOLE. Il nuovo regolamento per l’uso delle piazze del centro, varato oggi dalla giunta comunale, stabilisce un canone più elevato per alcune locatione e criteri più precisi per il loro sfruttamento. Più selezione sia dal punto di vista estetico che etico.

INDENNITA’ DI IMMAGINE. Fino ad oggi, per qualunque evento organizzato nel centro della città veniva richiesto solo il pagamento per il suolo pubblico e non esistevano disposizioni per giudicarne l’impatto; da ora invece chi organizza eventi commerciali e pubblicitari dovrà versare al Comune una “indennità di immagine” che terrà conto delle caratteristiche del luogo, della durata dell’evento e dei suoi benefici economici. Inoltre, i criteri per il rilascio delle autorizzazioni dovranno tenere conto di alcuni precisi parametri: il valore sociale, culturale, sportivo e politico degli eventi; quanto contribuiscono a diffondere il nome di Firenze nel mondo; l’interesse per la collettività; le ricadute economiche sul territorio.

LE PIAZZE. Le aree interessate dal regolamento sono piazza Strozzi, piazzale Michelangelo, piazza della Signoria, piazza San Giovanni, piazza Duomo, piazza Santa Croce, piazza SS.Annunziata, piazza della Repubblica, piazza Santa Maria Novella, piazza Ognissanti, piazzale degli Uffizi, via Martelli, piazza Santo Spirito, parco delle Cascine e giardino della Fortezza da Basso. In particolare in piazza Signoria, piazza della Repubblica piazza San Giovanni/Duomo, via Martelli e piazza Santa Croce, potranno essere utilizzare esclusivamente per eventi promossi dal Comune.

GIUDICI. I canoni di utilizzo saranno definiti da un prossimo provvedimento. Le domande dovranno essere presentate almeno 45 giorni prima dell’evento e dovranno contenere finalità, durata e caratteristiche dell’occupazione, compreso il progetto dettagliato; sono previste deroghe per le iniziative promosse dall’amministrazione comunale. Per la valutazione dell’impatto, il regolamento istituisce una commissione ad hoc di cui fanno parte tutti i rappresentanti degli uffici comunali interessati.

Ultime notizie