lunedì, 27 Settembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaDuomo pedonale, Mattei replica al...

Duomo pedonale, Mattei replica al legale dei disabili

Sentenza del Tar sulla pedonalizzazione del Duomo, Mattei: "Rriconosciuta la piena correttezza degli atti del Comune2. Il legale dei cinque disabili: "Pur respingendo il ricorso il Tar ha dato un'interpretazione che, di fatto, accoglie le nostre richieste".

-

“Pur respingendo il ricorso il Tar ha dato un’interpretazione che, di fatto, accoglie le nostre richieste: per noi è consentito l’accesso in piazza Duomo ai veicoli con contrassegno disabili“. Lo sostiene l’avvocato Pierluigi D’Antonio, legale dei cinque disabili che hanno presentato ricorso al Tar contro l’ordinanza del Comune di Firenze che dispone la pedonalizzazione di piazza Duomo. Il Tar ha respinto il ricorso giudicandolo “improcedibile per sopravvenuta mancanza di interesse”.

Dopo la prima ordinanza che stabiliva la pedonalizzazione di piazza Duomo Palazzo Vecchio aveva emanato una nuova ordinanza che permetteva ai disabili di poter accedere fino ai margini di piazza Duomo dove sono stati allestiti parcheggi per disabili.

MATTEI. “Il Tar ha giudicato inprocedibile il ricorso presentato da cinque disabili. Questo vuol dire che ha bocciato non solo la richiesta di sospensiva ma si è espresso anche nel merito, respingendo definitivamente il ricorso. Da questo si desume la completa legittimità degli atti dell’Amministrazione e quindi il provvedimento di pedonalizzazione del Duomo rimane in vigore così come è ed i veicoli dei disabili non possono circolare”.

È quanto precisa l’assessore alla mobilità Massimo Mattei replicando ai legali dei cinque disabili. “Il provvedimento dei giudici amministrativi ha riconosciuto che l’Amministrazione con la seconda determinazione emessa ha apportato una nuova regolamentazione migliorativa a favore dei disabili”. Ovvero l’accesso di veicoli a servizio dei portatori di handicap grazie alla disponibilità della Misericordia e la previsione di posti auto ai margini della zona pedonale e quindi non il transito con il proprio veicolo da parte dei disabili. “Il Tar ha giudicato gli atti dell’Amministrazione pienamente corretti e quindi non sarà necessario apportare nessuna modifica” conclude l’assessore Mattei.

Ultime notizie