venerdì, 22 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica E' tempo della prima campanella:...

E’ tempo della prima campanella: scatta il nuovo anno scolastico / FOTO

Oggi 11 settembre ha avuto luogo la consueta inaugurazione dell'anno scolastico. Per inziare l'a.s.2013/2014 è stato scelto il Liceo Artistico Statale di Porta Romana. All'evento presenti l'Assessore alla Pubblica Istruzione della Provincia di Firenze, Giovanni Di Fede, e la Preside della scuola.

-

La prima campanella è suonata anche a Firenze. E’ stato inaugurato oggi l’anno scolastico 2013/2014: per il “taglio del nastro” delle superiori è stato scelto il liceo artistico statale di Porta Romana. Qua, nella bellissima gipsoteca, in cui è presente la più interessante raccolta di modelli in gesso in Italia, fra cui modelli dell’arte del rinascimento toscano, era presente l’assessore alla pubblica istruzione della Provincia di Firenze Giovanni Di Fede.

LA PRESIDE. La preside della scuola, Annamaria Addabbo, ha preso la parola per prima e, nel suo discorso, ha ricordato l’importanza della scuola e dell’istruzione per il percorso formativo degli studenti. Secondo la preside i professori hanno una grossa responsabilità perchè, tutte le scelte che fanno, ricadono sugli alunni, ed è quindi importante che essi scelgano i percorsi e i metodi di insegnamento che ritengono più opportuni al fine di offrire la migliore scelta formativa ai loro studenti. ”Per questo – ha spiegato Addabbo – i professori sono partecipi con coraggio e volontà per educare i ragazzi alla cittadinanza, e per formare in loro una cultura del sapere”. La preside ha tenuto anche a ribadire l’importanza che la cultura artistica ha nella società odierna, e ha concluso facendo gli auguri alle tre categorie di persone facenti parte del mondo scolastico: agli alunni in primis, ai professori e, non ultimi, agli operatori scolastici, perchè – ha ricordato – con la loro professionalità sono fondamentali per il corretto funzionamento della scuola.

GUARDA LE IMMAGINI

L’ASSESSORE. Giovanni Di Fede ha sottolineato l’importanza, in generale, dell’istruzione artistica e ancor più in una città ricca d’arte come Firenze. Ha anche messo in luce il ruolo dell’insegnante, quanto sia rilevante nella vita degli studenti e quanto, soprattutto, conti il rapporto, l’interazione, tra chi insegna e chi apprende. La scuola è quindi un nervo significativo, ma oggi ancora scoperto, della società e per questo, ha detto l’assessore, solo oggi possiamo scorgere una seppur piccola ”inversione di marcia”. Di Fede ha fatto notare infatti che, per la prima volta, dopo numerosi anni, è stato indetto un consiglio dei ministri appositamente per l’istruzione, in cui non soltanto si è deciso di fermare il declino della scuola italiana, ma c’è stata anche la proposta di un decreto legge relativo al ”Welfare degli studenti” per sovvenzionare i trasporti e le mense e per agevolare gli studenti e le famiglie meno abbienti. Importante, secondo l’assessore, è l’orientamento, dal momento che occorre che gli studenti, per una scelta futura, lavorativa o universitaria, siano in grado di scegliere le discipline più affini a loro stessi e, di conseguenza, di intraprendere il percorso formativo ad hoc.

LA RISTRUTTURAZIONE. L’assessore Di Fede ha poi elencato i lavori e i cantieri che hanno preso il via quest’estate per la ristrutturazione delle scuole fiorentine. Nello specifico, riguardo i lavori al liceo artistico, ha detto: ”Noi cerchiamo di provare a corrispondere alla qualità storica di questo edificio con un intervento che lo migliori e lo renda più ‘scuola’, più funzionale”. L’assessore ha poi continuato elencando gli altri lavori presenti nelle scuole fiorentine che ormai sono stati, più o meno tutti, ultimati, perchè ”è quando, d’estate, le scuole sono chiuse e sono tutti in vacanza che iniziano i lavori per rimettere a posto gli edifici e renderli migliori, più funzionali.” Di Fede ha quindi concluso dicendo che, nonostante i risultati ancora siano minimi, sono comunque un segnale che dimostra l’inizio della suddetta ”inversione di marcia”.

Ultime notizie

Posso tornare a casa dopo le 22? Le regole del Dpcm per il rientro nell’abitazione

Quando è consentito il rientro alla propria abitazione durante il coprifuoco: dopo una cena da amici si può tornare a casa, anche se sono passate le 22 o si rischia una multa?

Decreto ristori 5: quando esce il testo e quando arriva in Gazzetta Ufficiale

Dal bonus per lo sport al superamento dei codici Ateco per il contributo a fondo perduto: quando esce il testo del decreto ristori 5, il primo (e forse l'unico) provvedimento economico Covid che arriva nel 2021

Zona arancione e rossa, visite ai congiunti: si può andare fuori comune?

Si possono vedere i congiunti che abitano in Comuni diversi, se ci si trova in zona arancione o rossa? Le regole per gli spostamenti e le deroghe introdotte dal decreto Covid di gennaio 2021

Toscana, zona gialla fino a quando: rischio arancione nel weekend?

Fino a quando i dati sui contagi saranno sotto controllo, la Toscana resterà in zona gialla e non passerà in arancione: la conferma o meno del colore arriverà alle porte del fine settimana