lunedì, 15 Luglio 2024
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaGiorno della Memoria, al Mandela...

Giorno della Memoria, al Mandela il Meeting dei Giusti. Per non dimenticare

''Chi salva una vita, salva il mondo intero'': questa frase accompagnerà l'evento che il 27 gennaio torna al Mandela di Firenze per ricordare l'orrore dell'Olocausto.

-

- Pubblicità -

“Chi salva una vita, salva il mondo intero. Alla ricerca dei Giusti”.

LA MEMORIA DEI GIUSTI. Questo il titolo della nuova edizione del Meeting della Memoria organizzato dalla Regione Toscana che  torna al Mandela Forum di Firenze lunedì 27 gennaio, giorno in cui si ricorda l’orrore della Shoah. Quest’anno, la kermesse, che riunirà come sempre gli studenti di tutta la regione, sarà dedicata ai “Giusti”,  a tutti quegli uomini e quelle donne che anche a costo della loro vita cercarono di ostacolare le persecuzioni nazi-fasciste.

- Pubblicità -

I TESTIMONI. Toccanti e significative, come ad ogni edizione del Meeting, saranno le testimonianze in prima persona che si alterneranno sul palco. Ci saranno ad esempio le sorelle Bucci, Tatiana ed Andra, divenute ormai delle icone immancabili degli eventi fiorentini per la Memoria. Le due sono sopravvisute alla deportazione  ad Auschwitz, che segnò drasticamente le loro vite quando avevano appena, rispettivamente, 4 e 6 anni. Una sola Memoria che disegna una storia simile anche per Marcello Martini, giovane staffetta partigiana della resistenza toscana,  deportato a Mauthausen (campo di concentramento che sorge sopra ad una piccola cittadina austriaca, il cui sindaco sarà presente all’evento) quand’era poco più di un bambino, all’età di 14 anni. Loro, ma non solo, interverranno al Meeting della Memoria di quest’anno, realizzato in collaborazione  con l’ Ufficio scolastico regionale della Toscana, Fondazione Museo della Deportazione di Prato e con Gariwo-La Foresta dei Giusti.

PROGRAMMA. A seguire, il programma step-by-step dell’evento, che sarà accompagnato dalle musiche di Enrico Fink e dell’Orchestra Multietnica di Arezzo. Alle ore 9.30 inizierà la giornata commemorativa, con i saluti del sindaco Matteo Renzi, del presidente della Regione Enrico Rossi e di quello dell’Upi Andrea Pieroni. A seguiranno i racconti dei sopravvissuti: oltre alle sorelle Bucci e a Martini, daranno la loro testimonianza Kitty Braun Falaschi (deportata a Ravensbrück e Bergen-Belsen all’età di 9 anni) e Antonio Ceseri (internato in Germania come militare e sopravvissuto alla strage di soldati italiani di Treuenbrietzen). Interverrà, in questo frangente, anche Kleoniki Valleri, presidente del Parlamento degli studenti della Toscana. Dopo un intervento di Thomas Punkenhofer, sindaco del Comune di Mauthausen, verso le 11.45 saranno narrate le storie di donne ed uomini giusti: conferiranno Claire Ly, sopravvissuta e testimone del genocidio cambogiano, Paolo Gigli e Miriam Cividalli,  con storie di salvati e salvatori in Toscana. In conclusione, dopo aver passato la parola a Gabriele Nissim, presidente dell’Associazione Gariwo, si aprirà un dibattito dal titolo “E oggi, chi sono i Giusti?”.

- Pubblicità -

Le altre iniziative: Giornata della Memoria, 21 artisti a Villa Vogel per non dimenticare ”Olocausto Suite”, un evento per non dimenticare la Shoah

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -