mercoledì, 23 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Giorno della Memoria, consegnate le...

Giorno della Memoria, consegnate le medaglie ai deportati

Sono state quattordici le medaglie d’onore del Presidente della Repubblica consegnate agli ex internati della provincia di Firenze nei campi nazisti.

-

Quattordici medaglie d’onore. Sono quelle consegnate in Prefettura, nella ricorrenza del “Giorno della Memoria”, ai deportati della provincia di Firenze nei campi nazisti durante l’ultimo conflitto mondiale.

LE MEDAGLIE. Il riconoscimento, le 14 medaglie d’onore del Presidente della Repubblica, è stato ricevuto personalmente da Giusto Silvestroni, classe 1918,  imprigionato a Herne in Germania dall’8 settembre 1943 al primo maggio 1945. Le altre medaglie, alla memoria, sono state assegnate ai familiari di Giuseppe Biagini, Guido Brontini, Remo Burlon, Franceschino Campioni, Gaetano Comunale, Gino Gabbrielli, Sanzio Gianni, Dino Grazzini, Giuseppe Martelli, Pietro Michelini, Raffaello Pertici, Giuseppe Settefonti e Duilio Tosini.

“PAGINA BUIA”. A conferire le decorazioni è stato il prefetto Luigi Varratta, insieme ai sindaci dei comuni di provenienza degli insigniti (Firenze, Barberino Valdelsa, Certaldo, Empoli, Montelupo Fiorentino, Pontassieve, Scandicci e Vinci). “Siamo qui per ricordare una pagina buia della nostra storia – ha detto il prefetto – nella quale sono accadute atrocità andate al di là di ogni limite della ragione umana. Vicende che ci hanno lasciato un patrimonio etico di enorme valore che appartiene alle società civili e democratiche del nostro tempo e che abbiamo il dovere di conservare. E di tramandare – ha aggiunto – soprattutto ai giovani perché riflettano su quello che è accaduto. Perché si impegnino a combattere le violenze, le intolleranze, le discriminazioni e le indifferenze. Occorre accettare le diversità  e agevolare e valorizzare l’integrazione delle culture, delle etnie e delle religioni. Questo è il senso del giorno della memoria. Le medaglie che oggi consegniamo, come risarcimento morale per le sofferenze patite, sono – ha concluso Varratta – il simbolo della nostra gratitudine e della nostra riconoscenza”.

LA CERIMONIA. Alla cerimonia hanno portato un saluto il vicesindaco di Firenze Dario Nardella e l’assessore provinciale Giovanni Di Fede, mentre Giovanni Buccianti, direttore dell’Osservatorio di Politica Internazionale dell’Università di Siena, ha tracciato una ricostruzione storica dell’Olocausto. In sala, le autorità civili e militari e i rappresentanti fiorentini delle associazioni nazionali degli ex internati e combattenti, partigiani e delle famiglie dei caduti e dei dispersi in guerra. Tra loro anche Alessio Ducci, presidente dell’Aned di Firenze (Associazione nazionale ex deportati), che è intervenuto con un personale commovente ricordo del padre Alberto sopravvissuto al campo di Mauthausen.

Ultime notizie

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Corri la vita 2020, qual è il colore della maglia e come funziona la “gara”

La corsa benefica cambia, ma si svolgerà comunque. Percorso "individuale", musei gratis e prenotazioni online: ecco tutte le novità della 18esima edizione

Quando e dove si vota per il ballottaggio delle comunali 2020

Chi può votare, com'è fatta la scheda, quando e perché è previsto il secondo turno per scegliere il sindaco: i dubbi più comuni sulla seconda tornata elettorale

Libri scolastici con lo sconto: da Amazon alla Coop, come risparmiare

C'è chi sceglie l'usato (e spende la metà) e chi si affida al supermercato o ai siti internet con prezzi tagliati del 15% e promozioni, dai buoni ai punti spesa. La guida al risparmio per i libri di testo