venerdì, 25 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica "Ho alzato il braccio ed...

“Ho alzato il braccio ed è partito il colpo”

Oggi la deposizione di Spaccarotella, l'agente accusato di omicidio volontario per la morte del tifoso laziale Gabriele Sandri. L'agente ha spiegato di aver alzato un braccio (" o tutti e due, non ricordo") e di essersi conto che era partito un colpo dal rumore. Quando ha cominciato a parlare i genitori di Gabriele hanno abbandonato l'aula.

-

Prosegue il processo a Luigi Spaccarotella, l’agente accusato di omicidio volontario per la morte del tifoso laziale Gabriele Sandri, morto per un colpo di pistola sparato dall’agente.

Oggi in aula Spaccarotella ha più volte ripetuto che “non c’era volontà di provocare la morte”  e che si è accorto di aver sparato solo dal rumore: “Ho provato a fare un gesto come per farli fermare, il gesto istintivo di alzare il braccio, o tutti e due, non ricordo”.

Quando Spaccarotella ha iniziato la sua deposizione, i genitori di Gabriele Sandri hanno lasciato l’aula.

 


Ultime notizie

Smart working: cosa cambia dopo il 15 ottobre (senza la proroga)

Le regole per il lavoro agile nel settore privato e quelle per i genitori con meno di 14 anni

Torna La rondine di Puccini al Teatro del Maggio Fiorentino

La stagione lirica del teatro fiorentino continua, dopo il successo del Rinaldo, con "La Rondine" di Giacomo Puccini

Maglieria uomo, tutte le novità per l’autunno

È arrivato il momento del cambio di stagione: i consigli su come "rinfrescare" il proprio guardaroba

Firenze Marathon 2020 annullata, la maratona torna nel 2021

Quando si terrà la 37esima edizione della gara e cosa succede per chi ha già fatto l'iscrizione