giovedì, 1 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Il Babbo Natale dei Gigli?...

Il Babbo Natale dei Gigli? 1,87 metri per oltre 120 chili

Il centro commerciale aveva lanciato una selezione per trovare il suo Babbo Natale: il prescelto è stato Claudio, quarantunenne fiorentino con un figlio di 5 anni. Per lui un contratto a termine.

-

Si chiama Claudio il Babbo Natale 2012 del centro commerciale I Gigli.

BABBO NATALE. Le selezioni organizzate per scegliere il Babbo Natale del centro commerciale I Gigli hanno permesso di individuare un 41enne fiorentino adatto a vestire i panni del celeberrimo uomo vestito di rosso che tanto fa appassionare i bambini (ma anche i grandi).

SELEZIONI. L’apposita commissione incaricata di selezionare il Babbo Natale del centro commerciale che, dal 1° al 24 dicembre, accoglierà i bambini all’interno dei Gigli con il più caratteristico degli “Ho-ho-ho”, ha scelto, tra i trenta candidati che si erano presentati, Claudio B., fiorentino, 187 centimetri di altezza per oltre 120 chili di peso. Claudio ha 41 anni, è disoccupato, coniugato e con un figlio di 5 anni. La motivazione principale della scelta – viene spiegato – è che si tratta di “un ragazzo solare, spigliato, positivo e con una bella risata contagiosa”.

IL CONTRATTO. Per lui un contratto a termine per essere il Babbo Natale dei Gigli.

Ultime notizie

Test antigenico e tampone rapido Covid, come funzionano e come si fanno

Dopo porti e aeroporti è in arrivo anche a scuola, ma cos'è, come viene fatto e come funziona il test rapido antigenico per il Covid

Vaccino antinfluenzale 2020-2021 in Toscana: quando e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Concorso straordinario scuola 2020: il calendario delle prove, tutte le date

Quando si terranno i test per i docenti precari delle scuole medie e superiori

Gli effetti del coronavirus su Firenze (e le prospettive per il futuro)

Dall'overturism all'azzeramento dei flussi. I problemi dell'export e la zavorra della burocrazia. Intervista al professor Aiello, economista e docente dell’Università di Firenze