venerdì, 3 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaIl collare? Solo se è...

Il collare? Solo se è griffato. A Pitti sbarca la collezione per cani deluxe

In mostra a Pitti Immagine Uomo anche una serie di collari deluxe per cani tres tres chic. A inventarla il designer toscano Tommaso Bencistà Falorni, che ha pensato anche ai contenitori di sacchetta per la toilette canina.

-

Una storia romantica per un prodotto molto trendy, perché anche un amico a quattro zampe ha diritto a essere alla moda. A pensarla così è Tommaso Bencistà Falorni, giovane creativo toscano che per la prima volta presenta a Pitti Immagine uomo il suo neonato brand di – udite udite – collari deluxe, pensati solo per cani di piccola taglia, quelli – per intendersi – che possono anche stare in borsetta.

LA LINEA. Eh sì, perché un padroncino (o padroncina che sia) veramente attento alla moda cerca di esserlo anche con il suo piccolo amico accanto, che deve indossare accessori rigorosamente all’altezza dell’abbigliamento di chi lo accompagna. Per soddisfare questo tipo di esigenze il designer ha pensato bene di creare una linea completamente made in Tuscany, che presto verrà distribuita nei migliori negozi realizzata tutta nel distretto di Santa Croce sull’Arno, da cui provengono le nappe di agnello, le lamine metal e il cavallino stampato camouflage con i quali sono realizzati i collari.

TOILETTE. Ma per ogni collare che si rispetti, ci deve essere anche un contenitore per le bustine da toilette, ovvero quei sacchettini che servono a raccogliere la pupù per la strada. Per non farsi mancar niente, Falorni ha pensato anche a quelli: una serie di contenitori-gioiello scolpiti in ottone. Per un cane très très chic.

IL NOME. E l’origine del nome? “Frida era il cane di un mio bisnonno – racconta il designer – che nel 1931 morì a causa del morso di una vipera”. Per non turbare suo figlio, l’uomo gli raccontò che mentre erano a fare una passeggiata il piccolo levriero si era trasformato in una rondine ed era volato via, ma che tutti gli anni sarebbe tornata a primavera per salutarli dall’alto. Da qui il marchio, che rappresenta un cagnolino, una vipera, una rondine e un anno, il lontano 1931. Una storia indimenticabile per un brand che farà sicuramente breccia nel cuore degli amanti (fashion) degli animali.

La showgirl: Belen sbarca a Pitti Immagine: la showgirl diventa stilista

La kermesse: Taglio del nastro per Pitti. Nel nome di libri e made in Italy / FOTO

Gli ospiti: Da Palazzo Vecchio al mercato: la moda esce dalla Fortezza

Leggi anche: Scatta Pitti Immagine, cambia la mobilità

Ultime notizie