mercoledì, 22 Settembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaIl tirocinio te lo paga...

Il tirocinio te lo paga il Comune

Il Comune di Firenze lancia un'iniziativa per i giovani diplomati o laureati tra i 19 e i 35 anni: tirocini formativi retribuiti.

-

 

Il Comune di Firenze lancia un’iniziativa per i giovani diplomati o laureati tra i 19 e i 35 anni: tirocini formativi retribuiti.

IL BANDO. C’è tempo fino al prossimo 30 marzo per inviare la domanda. Il progetto Governance Giovani – Start Enterprise Azione 3″ si articola in due fasi: la prima riguarda l’orientamento e permetterà ai giovani di definire il proprio obiettivo professionale. La seconda fase consentirà di svolgere un tirocinio presso enti o aziende, per una durata di 300 ore. A ogni tirocinante il Comune destinerà 900 euro, come ‘indennità di frequenza’. Gli stage si svolgeranno in aziende che operano nei seguenti settori: media e comunicazione; servizi sociali e/o educativi; turismo e beni culturali; servizi e tutela ambientale.

SELEZIONE. I candidati ammessi alla fase di selezione dovranno sostenere un colloquio motivazionale in cui verranno valutate aspettative e progetti professionali. Verrà, inoltre, effettuata una valutazione del curriculum vitae. Il calendario dei colloqui verrà pubblicato sul sito portalegiovani.it entro il 15 aprile, mentre i risultati della selezione saranno resi pubblici entro il 10 maggio.

INFO. Per informazioni è possibile rivolgersi all’Informagiovani del Comune (vicolo di Santa Maria Maggiore 1; aperto il lunedì dalle 15.00 alle 19.00, da martedì a venerdì dalle 11.00 alle 19.00, tel. 055/218310 e-mail: [email protected]); oppure all’Ufficio politiche giovanili (via Nicolodi 2 tel. 055/2625684 – lunedì, mercoledì, venerdì dalle 9.00 alle 13.00 martedì e giovedì dalle 9.00 alle 17.30 – e-mail: [email protected]).

GIOVANI E LAVORO, L’INCHIESTA DE ILREPORTER.IT. Leggi gli articoli:

La dura vita dei (neo)laureati: su la disoccupazione, giù gli stipendi

Giovani e lavoro: i sogni e le speranze dei fiorentini / VIDEO

Giovani e lavoro, ”la mia (deprimente) esperienza”

Quei mestieri che nessuno vuol più fare

Ultime notizie