venerdì, 14 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaIn Italia la casa rende...

In Italia la casa rende più dell’oro

"L'immobiliarista è la figura del decennio appena concluso: negli ultimi dieci anni è finito sul mercato il 30% di tutti gli appartamenti italiani e gli investimenti sulla casa hanno reso più di quelli sull'oro", lo dice il presidente del Cresme Lorenzo Bellicini. Ma sarà ancora così per i prossimi anni?

-

L’immobiliarista è la figura del decennio appena concluso: negli ultimi dieci anni è finito sul mercato il 30% di tutti gli appartamenti italiani e gli investimenti sulla casa hanno reso più di quelli sull’oro.

MA PER I PROSSIMI ANNI… Ma lo scenario dei prossimi anni sarà diverso: il mercato immobiliare sarà caratterizzato da un deciso trend verso la riqualificazione e la trasformazione degli edifici: questo il quadro che ha fatto il direttore del Centro di ricerche economiche, sociologiche e di mercato nell’edilizia (Cresme) Lorenzo Bellicini, durante il convegno “Edilizia sociale, città, governo del territorio”. L’incontro, che si sta svolgendo da stamattina alla stazione Leopolda di Pisa, mira ad analizzare l’attuale emergenza abitativa in Italia e mettere a confronto enti, organizzazioni e operatori del settore per trovare nuove soluzioni al problema.

L’ESPERTO

{youtube}I06UXXZOfeY{/youtube}

FINORA SOLO VINCITORI. MA ARRIVERANNO ANCHE I VINTI”. Secondo Bellicini “finora siamo stati dentro ad un ciclo immobiliare in cui non c’erano vincitori e vinti, ma solo vincitori, perché la casa è stata un bene d’uso e al contempo un bene d’investimento. Il prossimo ciclo immobiliare non sarà così, ci saranno vincitori e vinti, e proprio il valore d’uso degli immobili sarà determinante”. Perché “in pratica avremo tre mercati in uno: quello che conosciamo oggi, il mercato low cost di chi non può permettersi certi prezzi (i giovani, le famiglie che avevano due redditi e invece ora ne hanno uno o due casse integrazioni) e il mercato dell’innovazione. A quest’ultimo, però, manca oggi un leader: ci sono diversi attori non integrati tra loro. Il problema – ha specificato il direttore del Cresme – è che in Italia sembrano più vivaci gli scenari legati alla domanda che quelli dell’offerta immobiliare”.

RIQUALIFICAZIONE E TRASFORMAZIONE. I prossimi anni, ha concluso Bellicini, saranno comunque caratterizzati da una spinta marcata verso “la riqualificazione e la trasformazione degli edifici”.

Ultime notizie