Una delle vittime dell’attentato di Mumbai era italiano, nato a Roma ma residente a Livorno da oltre trent’anni. Si trovava in India per lavoro, assieme al figlio Massimiliano.

Il sindaco della città labronica, Alessandro Cosimi, ha espresso il cordoglio, suo personale e della città, alla famiglia: al figlio Massimiliano, anch’egli a Mumbai, alla moglie Emilia Piera e all’altro figlio Gabriele, che invece si trovano a Livorno.

Il Sindaco, oggi a Roma per impegni istituzionali, ha inoltre offerto, tramite il Capo di Gabinetto,disponibilità per qualsiasi aiuto si rendesse necessario, sia per il figlio Massimiliano, sia nei confronti degli altri familiari.

Tra gli ostaggi liberati c’è invece anche Angelica Bucalossi, un’albergatrice fiorentina, e il suo compagno, che sono riusciti a uscire dall’hotel in cui erano rimasti bloccati dopo gli attacchi. La coppia, infatti, non era riuscita a lasciare l’hotel Oberoi-Tridente, a Mumbai. Poi la bella notizia della loro liberazione, confermata dalla sorella di Angelica che è stata avvertita dalla Farnesina.