lunedì, 27 Settembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaLa spesa di Natale si...

La spesa di Natale si fa in campagna

Polpettone e lenticchie, agnolotti e tortelli, quest'anno si comprano in campagna. Direttamente alla fonte. Otto milioni di italiani si apprestano a fare lo spesone natalizio tra mercati tradizionali e vendita diretta. Risparmiando fino al 30%.

-

Sono il 10% in più quest’anno coloro che recheranno in fattoria in vista delle feste. Una garanzia di qualità e freschezza oltre che di risparmio economico. E’ quanto segnala la Cia-Confederazione italiana agricoltori che promosso il progetto ”La spesa in campagna”, una rete di aziende che vendono direttamente ai cittadini e possono essere facilmente raggiunte con l’auto, anche attraverso l’ausilio del navigatore satellitare.

Attualmente alla rete fanno capo circa 10 mila aziende agricole sparse sull’intero territorio nazionale e nel giro di pochi anni – rileva la Cia – possono triplicare. Un progetto molto importante che può svilupparsi in maniera adeguata. Buone notizie per le circa 3000 aziende agricole toscane coinvolte in questo tipo di attività. La vendita diretta, infatti, ha registrato un vero e proprio boom in Toscana negli ultimi tre anni

Oggi andare in campagna a fare acquisti permette, d’altra parte, risparmi significativi per i consumatori. Se, ad esempio, si spendono 100 euro di prodotti alimentari, c’è un taglio netto di 30 euro rispetto alla tradizionale catena distributiva. E se anche si aggiunge il costo della benzina, in media 5 euro, la visita alla fattoria consente, complessivamente, una minore spesa di 25 euro. E di questi tempi -rileva la Cia- non è poco.

Ultime notizie