giovedì, 4 Marzo 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Le scie chimiche nel cielo

Le scie chimiche nel cielo

Domani 22 maggio, a Villa di Rusciano, si parlerà di "Le scie chimiche nel cielo. Cosa stanno facendo?", in una conferenza organizzata dall'associaizone Arzach. L'incontro si terrà nella sede dell’assessorato all’ambiente, dalle 15 alle 19

-

Durante la conferenza si affronterà principalmente il tema delle scie chimiche e delle possibili patologie ad esse correlate. Giorgio Pattera, biologo e giornalista, partecipaerà con un intervento sul tema delle “Ricerche, analisi di laboratorio e possibili patologie correlate”.

Alle 17.15, interverranno invece il fisico Corrado Pennae e il senatore Sandro Brandolini, in collegamento tramite web cam. Verrà illustrata anche l’esperienza di Savignano sul Rubicone, il primo comune in Italia che ha approvato una mozione sul tema delle scie chimiche.

La conferenza si terrà nella sede dell’assessorato all’ambiente (Villa di Rusciano, via Benedetto Fortini 37) dalle 15 alle 19, e terminerà con un dibattito pubblico durante il quale i cittadini potranno rivolgere domande.

Per maggiori informazioni rivolgersi al 348.6506370.

Ultime notizie

Zona arancione rafforzata: significato e regole della fascia “arancio scuro”

Si allarga nuova fascia di rischio: ecco dove è in vigore, il significato di "zona arancione rafforzata" o "zona arancione scuro", cos'è e le regole per capire cosa si può fare e cosa no

Dove, come e quando fare il vaccino anti-Covid in Toscana

La prenotazione e il calendario, l'efficacia e gli effetti collaterali: tutto quello che c'è da sapere prima di fare il vaccino anti-Covid in Toscana. La nostra guida: dove, quando e come

Cosa cambia in Toscana con il nuovo Dpcm Draghi (marzo 2021)

Scuole, bar, centri commerciali e parrucchieri: cosa prevede il nuovo Dpcm di Draghi in vigore dal 6 marzo 2021 e cosa cambia in Toscana

Museo della lingua italiana a Firenze: vicina la partenza dei lavori

Nascerà nel complesso di Santa Maria Novella. Firmato l'accordo tra il Comune di Firenze e il Ministero dei Beni e le attività culturali per il primo Museo della lingua italiana