Uno sciopero caratterizzato dal maltempo. Se infatti le avverse condizioni meteorologiche hanno convinto la Cgil nazionale a sospendere l’agitazione del trasporto ferroviario, la pioggia che cade in molte zone della Toscana rischia di aumentare i disagi per la giornata di oggi, venerdì 12 dicembre.

Ma andiamo con ordine. E’ stato sospeso lo sciopero del trasporto ferroviario sull’intero territorio nazionale: a deciderlo è stata la Cgil Nazionale. “In considerazione delle avverse condizioni meteorologiche che colpiscono il Paese – si legge in una nota – e del peggioramento annunciato in alcune zone, le precedenti comunicazioni circa le modalità dello sciopero generale nella giornata del 12 dicembre, limitatamente al settore dei trasporti, devono intendersi così modificate: il personale addetto alla circolazione del trasporto ferroviario è esonerato dalla partecipazione allo sciopero sull’intero territorio nazionale; il personale addetto alla circolazione del trasporto pubblico locale sarà esonerato dalla partecipazione mediante comunicazione dei sindacati di categoria provinciali limitatamente alle situazioni colpite dal maltempo“.

La decisione è stata presa per ”non aggravare le condizioni di disagio della popolazione”. Restano confermate invece in modo integrale le modalità dello sciopero comunicate in precedenza per tutto il restante personale del settore trasporti e per le altre categorie. Per quanto riguarda la Toscana, oltre al trasporto ferroviario (decisione nazionale) è stato esentato, sempre per problemi di maltempo, il personale addetto a compiti di protezione civile delle province di Siena e Grosseto.

A Firenze sono ben quattro i cortei in programma per la mattinata di oggi. Gli iscritti alla Cgil si ritrovano alle 9,15in piazza Indipendenza per raggiungere piazza Santissima Annunziata; poi c’è la manifestazione del Cobas-Cub-Sdl è da piazza San Marco a piazza Brunelleschi, quella degli Studenti di sinistra dell’Università da piazza Bambini e Bambine di Beslan e quella dell’Assemblea cittadina studenti-genitori-lavoratori da piazza Santissima Annunziata.

Ma, oltre ai cortei, a Firenze sarà difficile anche spostarsi in bus o andare in un ufficio pubblico. Non sarà infatti garantito il funzionamento di servizi e uffici comunali: per esempio, agli sportelli della direzione urbanistica non sarà assicurato il ricevimento al pubblico e potrebbero verificarsi disservizi. Anche i cimiteri comunali potrebbero rimanere chiusi, mentre le Cappelle del Commiato rimarranno regolarmente aperte per l’intera giornata per esposizione, ricezione e deposito delle salme.

Disagi non solo negli uffici. Quadrifoglio informa gli utenti che le organizzazioni sindacali di categoria Cgil e Flaica Uniti Cub hanno proclamato uno sciopero nazionale a cui aderiscono i rispettivi comparti del settore di igiene ambientale per venerdì 12 dicembre, per la durata dell’intero nastro lavorativo. Durante lo sciopero, comunque, saranno garantiti i servizi minimi essenziali, come la raccolta e trasporto rifiuti definiti pericolosi; la raccolta e trasporto rifiuti solidi urbani per utenze scolastiche, mense pubbliche e private, ospedali, case di cura, ospizi, centri di accoglienza, orfanotrofi, stazioni ferroviarie ed aeroportuali, caserme e carceri; la pulizia dei mercati, aree sosta attrezzate, aree di interesse turistico e museale.

Poi c’è il capitolo trasporti. Anche le sigle sindacali Filt/Cgil e Cobas presenti in Ataf aderiscono allo sciopero nazionale in programma venerdì 12 dicembre. In alcune fasce orarie non sarà dunque garantita la totale regolarità del servizio. Diverse le modalità con cui le sigle sindacali aderiranno all’agitazione:

FILT/CGIL: sciopero dalle 9.15 alle 11.45. COBAS: sciopero dall’inizio del servizio fino alle 6, dalle 9.15 alle 11.45, dalle 15.15 fino al termine del servizio. In queste fasce orarie, dunque, non sarà garantita la totale regolarità del servizio.