martedì, 22 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Mamme (sempre più) lavoratrici: in...

Mamme (sempre più) lavoratrici: in calo quelle che lasciano il posto

In provincia di Firenze sono diminuite, nel 2010, le madri-lavoratrici che lasciano l’impiego entro il primo anno di vita del figlio. Ecco anche le cause maggiori delle dimissioni.

-

Mamme sempre più lavoratrici: diminuisce il numero delle donne che lasciano il proprio impiego dopo la nascita di un figlio.

NUMERI. I dati resi noti dalla Direzione Provinciale del Lavoro (soggetto incaricato di convalidare le dimissioni) mostrano una diminuzione di 32 unità rispetto al 2009, per un totale complessivo di 361 abbandoni nel territorio fiorentino.

PRIMO FIGLIO. E’ spesso l’arrivo del primo figlio (nel 58% dei casi) a determinare questa scelta, mentre con le gravidanze successive le donne sembrano acquistare una maggiore capacità di organizzarsi e di conciliare gli impegni familiari col lavoro. Le dimissioni sono concentrate (79% del totale) nei settori del commercio e dei servizi, tradizionalmente ad alta incidenza di personale femminile, e si verificano in modo principale nelle piccole aziende (71%), con meno di 15 dipendenti.

STABILITA’. Il fenomeno riguarda in egual misura donne con poca anzianità di servizio (fino a 3 anni nell’azienda: 164 casi) e donne con una discreta esperienza (da 4 a 10 anni: 166 casi), a sottolineare che la stabilità e la continuità di un impiego non sono purtroppo condizioni sufficienti ad evitare l’uscita dal mondo del lavoro alla nascita di un figlio.

LE CAUSE. Guardando alle motivazioni, il mancato accoglimento del neonato all’asilo nido e l’assenza di parenti a supporto sono le circostanze che più determinano la decisione di interrompere l’attività lavorativa (50% del totale). Una quota significativa di donne (il 14%) presenta le dimissioni per passaggio ad altra azienda; solo in 22 indicano come motivo i costi elevati dell’asilo nido o di una baby-sitter; sempre 22 donne segnalano la mancata concessione del part-time o di una diversa turnazione.

IMPEGNO. “Il quadro fornito dalla Direzione Provinciale del Lavoro – dice la Consigliera di Parità Maria Grazia Maestrelli – richiama tutti i soggetti pubblici e privati ad un impegno costante per promuovere l’occupazione femminile. Soprattutto in tempi di forte crisi, non è accettabile che tante donne siano costrette ad abbandonare un impiego sicuro, quando diventano mamme, per carenza di un’adeguata rete di sostegno, come confermano anche le molte istanze raccolte dal mio ufficio”. L’iniziativa della Consigliera si rivolge in particolare alle aziende, affinché adottino misure di flessibilità e conciliazione degli orari di lavoro (tra l’altro, oggetto di un recente accordo fra Governo e parti sociali). “Da parte degli enti pubblici – conclude Maestrelli –  confido in un rilancio dei piani per gli asili-nido, puntando a diversificare l’offerta, e nella diffusione di strumenti quali i buoni-servizio per facilitare l’accesso ai servizi di cura”.

COSA NE PENSI? Manda la tua opinione o la tua esperienza a redazione@ilreporter.it

Donne imprenditrici cercasi. Per partire basta un’idea

Ultime notizie

Giani e i risultati delle regionali: “Ha vinto la Toscana”

Un discorso con al centro la Toscana: Giani sceglie di parlare soprattutto della sua regione, con pochi riferimenti alla politica nazionale. "Sarò sindaco tra i sindaci", dice il candidato del centrosinistra

Referendum 2020: affluenza alle urne ore 15, percentuale definitiva votanti

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari. Dove si è votato di più e dove di meno

Elezioni regionali Toscana 2020: affluenza definitiva al 62,61%

I dati definitivi sull'affluenza alle urne per le elezioni regionali 2020 della Toscana. In corso lo spoglio

Exit poll, regionali Toscana: Eugenio Giani in vantaggio

Grande attesa per i primi sondaggi sulle tendenze di voto: chi tra i 7 candidati diventerà presidente dalla Regione?