mercoledì, 14 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Movida, coinvolte anche le chiese....

Movida, coinvolte anche le chiese. Per combattere il degrado notturno

Prefetto, vicesindaco e rappresentanti delle sei basiliche principali di Firenze si sono riuniti ieri per parlare dei problemi di degrado e sporcizia che la movida notturna porta anche intorno alle zone delle varie chiese. È necessario saper “coniugare divertimento e rispetto” ha detto il prefetto Varratta.

-

 

 

Adesso nel Patto per la notte sono coinvolte anche le basiliche fiorentine.

LA PROPOSTA. L’idea è stata proposta dal Comune: coinvolgere anche i responsabili delle chiese all’interno del “Patto per la notte”, a cui aderiscono molti locali del centro, per combattere il degrado e la sporcizia che derivano dalla movida notturna e che interessano anche la aree intorno alle basiliche fiorentine. Ieri quindi si è discusso soprattutto della situazione e dei problemi che affliggono le aree circostanti le sei principali basiliche di Firenze.

AL TAVOLO. A discutere di questa proposta ieri in prefettura si sono riuniti il prefetto Luigi Varratta, l’arcivescovo di Firenze Giuseppe Betori, il vicesindaco Dario Nardella, i vertici provinciali delle forze di polizia e i rappresentanti di Santa Maria del Fiore, San Lorenzo, Santa Croce, Santa Maria Novella, Santo Spirito e Santissima Annunziata.

LE PROBLEMATICHE. Sono state esaminate nel dettaglio le situazioni dei singoli luoghi e sono emersi problemi comuni, collegati principalmente all’abuso di alcol e alla movida, e altre specifiche che variano da basilica a basilica, come bivacchi, sporcizia, danneggiamenti.“Siamo di fronte soprattutto a problemi di disagio e di degrado – ha detto il prefetto Varratta – non tanto di ordine pubblico. È efficace il controllo del territorio da parte delle forze di polizia, non c’è bisogno di misure straordinarie. È soprattutto una questione culturale, di comportamenti incivili e di mancanza di attenzione verso i luoghi e di considerazione per le persone”.

DIVERTIMENTO E RISPETTO. Durante l’incontro si è pensato di avviare una campagna di sensibilizzazione, rivolta soprattutto ai giovani e agli studenti che vivono la notte fiorentina. “Questa è una città d’arte e una città universitaria – ha sottolineato Varratta – non è pensabile che non ci sia la movida. L’importante è coniugare il divertimento con il rispetto. Di questo i ragazzi devono essere consapevoli. Una maggior responsabilizzazione può essere molto più efficace delle mie stesse ordinanze che proibiscono l’uso di alcolici”.

Ultime notizie

Ambasciatori digitali dell’arte: il progetto degli Uffizi per le scuole

Ripartono i percorsi didattici degli Uffizi per gli alunni delle scuole: cos'è "Ambasciatori digitali dell'arte"

Quarantena e rientro in Italia: per quali Paesi è obbligatoria. E il tampone?

Dalla Romania alla Croazia, passando dall'Albania alla Francia: per chi è obbligatorio l'isolamento fiduciario o il tampone, una volta entrato o tornato in Italia

“Imprevisti digitali” gratis al cinema con Il Reporter

La commedia vincitrice dell'Orso d'argento alla Berlinale arriva al cinema: in palio 20 biglietti per vederla gratis a Firenze

Gli allegati al dpcm del 13 ottobre (pdf): protocolli di sicurezza e regole

L'elenco completo degli allegati al nuovo Dpcm di ottobre, con tutti i protocolli di sicurezza e le regole