giovedì, 24 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Mukki: nuovi soci e capitali

Mukki: nuovi soci e capitali

Firmato oggi a Palazzo Strozzi Sacrati il protocollo d'intesa che dà il via libera al piano di ricapitalizzazione e consolidamento della Mukki, azienda leadership in Toscana nella vendita di latte fresco.

-

Entrano Fidi Toscana, la Finanziaria della Regione, e la Camera di Commercio di Firenze. E con i due nuovi soci arriveranno 10,4 milioni di euro: 8,4 da Fidi Toscana ( con il via libera di Regione, Provincia e Comunità montana del Mugello ) e 2 milioni dalla Camera di Commercio di Firenze. La ristrutturazione del debito a medio e lungo termine, che è parte dell’operazione, consentirà di risparmiare solo nel 2009 oltre 3 milioni di euro sulle rate.

“La Mukki Latte, con i suoi 190 dipendenti, è una risorsa per la Toscana- spiega il presidente Martini-, un’impresa sana e con margini di guadagno in crescita negli ultimi anni. Aiutare l’azienda in una fase di stanchezza del mercato a sopportare meglio il peso degli investimenti fatti, a partire dal nuovo stabilimento di Novoli, è un sostegno anche alla produzione di alta qualità. Per il Mugello, che in questo eccelle, stiamo studiando una riorganizzazione dei produttori che consentirà di ridurre i costi di filiera”.

Ultime notizie

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Corri la vita 2020, qual è il colore della maglia e come funziona la “gara”

La corsa benefica cambia, ma si svolgerà comunque. Percorso "individuale", musei gratis e prenotazioni online: ecco tutte le novità della 18esima edizione

Quando e dove si vota per il ballottaggio delle comunali 2020

Chi può votare, com'è fatta la scheda, quando e perché è previsto il secondo turno per scegliere il sindaco: i dubbi più comuni sulla seconda tornata elettorale

Libri scolastici con lo sconto: da Amazon alla Coop, come risparmiare

C'è chi sceglie l'usato (e spende la metà) e chi si affida al supermercato o ai siti internet con prezzi tagliati del 15% e promozioni, dai buoni ai punti spesa. La guida al risparmio per i libri di testo