Nardella:

Un bonus di duemila euro per ogni neonato. È la proposta del sindaco Dario Nardella per sostenere la natalità a Firenze. Un’idea presentata ieri durante un confronto con i millennials toscani organizzato per presentare la candidatura al secondo mandato da sindaco.

Il bonus di duemila euro per ogni neonato a Firenze proposto da Nardella

Un bonus pensato per le giovani donne e che servirebbe a incoraggiare le nascite. Firenze, ha detto Nardella, “per fortuna ha un livello di longevità tra i più alti al mondo. Di contro abbiamo anche una bassa natalità. Per questo dobbiamo dare alle giovani donne strumenti per poter avere figli e costruire una famiglia: un contributo di 2.000 euro ad ogni nuovo nato, oltre ad una serie di servizi possono aiutarci a riequilibrare il livello tra le generazioni”.

Non un bonus “flat”, uguale per tutti. Ma progressivo, misurato in base al reddito e alle condizioni economiche. Una prima spesa stimata è di 2-3 milioni di euro annui, considerando che la media dei nuovi nati a Firenze è di 2.600-2.700 all’anno.

Elezioni Firenze 2019, lo speciale de Il Reporter

Non è un caso che Nardella abbia presentato la proposta del bonus da duemila euro per ogni neonato a Firenze proprio ai millennials. Ma durante il primo appuntamento elettorale dedicato esclusivamente ai giovani si è anche parlato di ambiente. Ora che i giovani “sono diventati finalmente i protagonisti di questa battaglia contro il cambiamento climatico”, ha detto Nardella, “noi vogliamo fare di Firenze un modello nazionale ed europeo, partendo dall’attuazione della direttiva plastic free e sottraendo 100.000 auto dalla strada”.

L’ultima proposta è su un altro tema caro ai giovani, quello del trasporto pubblico notturno. Nardella ha promesso l’eliminazione del servizio “Nottetempo”, le linee notturne Ataf a prenotazione. Al suo posto, ha detto il sindaco, sarà prolungato il servizio regolare di tutte le linee forti, sul modello di quanto già avviene con linee della tramvia, attive fino alle 2 di notte il venerdì e il sabato.