venerdì, 12 Agosto 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaNon è una città per...

Non è una città per vecchi (turisti)

Più della metà dei turisti fiorentini ha meno di 35 anni e per la maggior parte è alla sua prima volta a Firenze, pochi gli over 65, così come pochi sono, purtroppo, gli aficionados alla città del cupolone: solo il 10%. Che apprezzano musei e intrattenimento, ma bocciano le toilettes pubbliche.

-

Pubblicità

 

Più della metà dei turisti fiorentini ha meno di 35 anni e per la maggior parte è alla sua prima volta a Firenze, pochi gli over 65, così come pochi sono, purtroppo, gli aficionados alla città del cupolone: solo il 10%. Che apprezzano musei e intrattenimento, ma bocciano le toilettes pubbliche.

Pubblicità

GIOVANI VISITATORI. Un’indagine del Centro Studi Turistici di Firenze, effettuata la scorsa estate e presentata oggi in Provincia rivela che l’età media dei turisti in visita a Firenze è di 40 anni, ma quasi il 55% ne ha meno di 35 mentre gli over 65 sono poco numerosi. Piuttosto elevato il livello di istruzione, così come la capacità di spesa.

LA PRIMA VOLTA. Il 58% dei turisti, soprattutto stranieri, si trova alla sua prima esperienza di vacanza sul territorio fiorentino, mentre i turisti “fedeli” rappresentano il 10% del campione preso in considerazione.

Pubblicità

FAI-DA-TE. Le guide turistiche rimangono sempre in cima alla lista dei “consiglieri di viaggio”, mentre al secondo posto viene il web. Il turista privilegia di gran lunga l’organizzazione autonoma della vacanza e solo in alcuni casi si affida ad intermediari.

SODDISFAZIONE. Nettamente positivo il giudizio sulla città e sui servizi offerti. La quasi totalità dei turisti si dichiara del tutto soddisfatta dall’esperienza vissuta, tanto che la maggior parte degli intervistati vorrebbe tornare in futuro.

Pubblicità

PRO E CONTRO. Massimo apprezzamento incassano l’offerta museale e culturale del territorio, il divertimento e la vita sociale;  a seguire la varietà e la qualità dell’artigianato, la sicurezza delle località, ma anche la qualità e lo stile di vita e la cordialità degli abitanti. Bocciate in pieno invece le toilettes pubbliche. Poco soddisfacenti anche i servizi di trasporto pubblico, parcheggi,  informazione turistica, servizi destinati ai bambini e, tanto per cambiare, la conoscenza delle lingue straniere da parte degli operatori.

Pubblicità

Ultime notizie