lunedì, 21 Giugno 2021
HomeSezioniCronaca & Politica"Per il corridoio tirrenico fare...

“Per il corridoio tirrenico fare presto e bene”

Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha risposto così a una interrogazione in Consiglio regionale. "Non c'è nessun ripensamento rispetto alle decisioni assunte dalla giunta precedente e dal governo".

-

“Fare presto e bene”: per il presidente della regione Toscana Enrico Rossi è questa la strada maestra da seguire per la realizzazione del corridoio tirrenico. L’intervento del presidente in consiglio regionale, a seguito di una interrogazione dell’opposizione, ha sgombrato il campo da ogni polemica: “Vorrei rassicurare il consiglio – ha proseguito infatti il presidente – non c’è nessun ripensamento rispetto alle decisioni assunte dalla giunta precedente e dal governo. Ho incontrato inoltre di recente il ministro Matteoli, che mi ha rassicurato circa la sua fattiva volontà di procedere alla realizzazione di una infrastruttura necessaria a livello nazionale ed europeo. Su questo da parte mia c’è una totale condivisione”.

“Le osservazioni fatte di recente dall’assessore Anna Marson – ha proseguito il presidente entrando nel merito dell’interrogazione – richiamano l’attenzione sul lavoro di monitoraggio e vigilanza sull’impatto dell’opera. Del resto la delibera Cipe richiamata nella interrogazione contiene 127 prescrizioni e 9 raccomandazioni di mitigazione. Inoltre non conosciamo ancora lo schema di convenzione tra Stato, Anas e Sat circa gli aspetti economici: pedaggio, utilizzo da parte dei cittadini, modalità con cui lo Stato si accollerà il mancato introito. Richiamare questi temi – ha concluso il presidente Rossi – non è comunque in contraddizione con la volontà di realizzare l’opera, presto e bene”.

 

Ultime notizie