martedì, 22 Giugno 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaProcesso smog, Martini e Domenici...

Processo smog, Martini e Domenici assolti

Claudio Martini, Leonardo Domenici ed altri ax amministratori locali dell'area fiorentina sono stati assolti dal Tribunale di Firenze nel processo per l'inquinamento atmosferico causato dalle polveri sottili. Secondo il pm "i fatti non sussistono".

-

Gli amministratori erano finiti a processo dopo che la Procura di Firenze aveva contestato agli imputati di aver disatteso la normativa europea che pone un limite ai giorni di superamento di sostanze inquinanti e di non aver adottato provvedimenti e misure per la tutela della salute dei cittadini, nonostante il flusso di dati di rilevamento della qualità dell’aria, imponesse, secondo l’accusa, provvedimenti urgenti.

Oltre all’ex presidente della Regione Toscana e all’ex sindaco di Firenze erano accusati assessori e sindaci, in carica e non, di Scandicci, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Calenzano e Signa, oltre all’ex assessore regionale all’ambiente Marino Artusa. Per tutti gli imputati le accuse erano getto pericoloso di cose e rifiuto di atti di ufficio sotto il profilo omissivo. La Procura aveva chiesto condanne a otto mesi di reclusione per Martini e Domenici e a cinque mesi per gli altri amministratori.

Il processo è iniziato il 3 ottobre del 2008. I dati su cui si basava l’accusa riguardavano l’inquinamento da pm10 e biossido di azoto a partire dal 2005.

“Credo – ha detto l’avvocato Francesco Bevacqua, difensore di Martini – che sia una sentenza pilota almeno per ciò che concerne l’interpretazione dell’Unione“.

Ultime notizie