mercoledì, 26 Febbraio 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Referendum: il primo quesito, privatizzazione...

Referendum: il primo quesito, privatizzazione dei servizi

La scheda per il primo quesito del referendum è di colore rosso. Ecco cosa propone.

-

 

La scheda per il primo quesito del referendum è di colore rosso e si intitola “Modalità e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica”.

IL TESTO. Il quesito, molto complesso nella sua formulazione, propone di abrogare dodici commi dell’articolo 23 bis della legge n. 133/2008, il cosiddetto “Decreto Ronchi”.

LE REGOLE. Attualmente la legge prevede la liberalizzazione dei servizi pubblici di rilevanza economica (acqua, rifiuti e trasporti, ad esempio). La norma stabilisce che entro il 2011 le società di gestione a totale capitale pubblico cessino l’attività o si trasformino in società a capitale misto. La legge prevede l’affidamento a soggetti privati attraverso gara o l’affidamento a società a capitale misto pubblico-privato (in cui il privato detenga almeno il 40%).

IL VOTO. Votando” sì” si contrasta la privatizzazione dei servizi. Gli enti locali saranno liberi di scegliere di affidare la gestione del servizio a privati, a società miste oppure a società pubbliche. Votando “no” le regole resteranno le stesse: la gestione ordinaria dei servizi sarà l’affidamento a privati attraverso gara o l’affidamento a società a capitale misto pubblico-privato.

Ultime notizie

Coronavirus, a Firenze segnata la “truffa del tampone”

Vittime soprattutto gli anziani: i malintenzionati si presentano alla porta di casa spacciandosi come personale medico

La classifica dei carri vincitori del carnevale di Viareggio 2020

Sui primi grandini del podio due creazioni dedicate a temi green. Ecco l’elenco completo dei vincitori

Musei a Firenze, annullata la domenica gratis del 1° marzo

Lo ha comunicato con una nota ufficiale il Ministero per i Beni e le Attività culturali. Confermata invece la Domenica Metropolitana nei musei civici di Firenze (per i residenti)

Coronavirus in Toscana, cosa sappiamo al momento

I due soggetti positivi, il tampone solo per i casi sospetti, le misure per gli ospedali: cosa è stato deciso dalla Regione Toscana dopo l'ultima riunione con i sindaci del territorio