mercoledì, 8 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaRenzi chiude la Leopolda: “Ripartiamo...

Renzi chiude la Leopolda: “Ripartiamo dai comitati cittadini”

L'ex premier ha chiuso l'edizione numero 9 della kermesse. Tutti i protagonisti e l'appuntamento (già fissato) per il 2019

-

Più che un “Ritorno al futuro”, come recitava il claim di questo anno, la Leopolda 9, nono appuntamento della convention politica organizzata dall'ex premier Matteo Renzi che si è appena conclusa alla Stazione Leopolda di Firenze (da cui prende il nome) è stato, in quanto a successo, un ritorno al passato, con la platea gremita e tante persone ad assistere fuori dall'ingresso, davanti ai maxi schermi.


La kermesse sold out e il “Ritorno al futuro”

Tre giorni (tutti sold out) per immaginare un Paese diverso da quello attuale, con una politica e un governo che si discosta nettamente dalle idee e dai proclami giallo-verdi.
Sul palcoscenico della Leopolda numero 9 (L9, per gli amici) una “Delorean” a strizzare l'occhio alla celeberrima saga cinematografica hollywodiana firmata da Robert Zemeckis (a cui ha preso in prestito il titolo) e, a dividersi la ribalta, una serie di vecchie e nuove conoscenze.


I protagonisti: da Bonolis a Minniti fino al dottore no-vax

Da venerdì 19 ottobre alle 14 di oggi, domenica 21,sono saliti sul palcoscenico in tanti, dall'ex ministro dell'Interno Marco Minniti (che non ha sciolto la riserva sulla sua candidatura a segretario del Pd) all'ex ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan fino allo showman Paolo Bonolis (che si è prestato ad un talkshaw stile David Letterman “condotto” per l'occasione da Renzi), da Don Andrea Bonsignori direttore del Cottolengo di Torino a Chantal Borgonovo (vedova del calciatore Stefano Borgonovo) al medico e ricercatore pro-vax Roberto Burioni, alla giovanissima Gaia Romani fino al professore della Bocconi Carlo Alberto Carnevale Caffè. In platea ci sono il sindaco Dario Nardella, Maria Elena Boschi, il candidato alla segreteria del partito Matteo Richetti e poi il capogruppo del Senato Andrea Marcucci e il vicepresidente della Camera Ettore Rosati, oltre a tanti deputati Pd, molti giovani e tanti renziani vecchi e nuovi.


Renzi: “Ripartiamo dai comitati cittadini”

La chiusura della kermesse, come sempre è spettata al padrone di casa, Matteo Renzi. “Alla Leopolda siamo più del doppio dell'anno scorso, quando eravamo al Governo – ha detto -. L'opposizione fa bene alla Leopolda ma fa male al Paese”. “Stanno portando avanti una campagna di odio contro di noi – ha continuato -. Ci hanno buttato addosso quintali di fango, non ci hanno sporcato l'anima, ma ci hanno fatto male. Non risponderemo all'odio con odio”. “Ripartiamo dai comitati cittadini. Partiamo non per creare una corrente, che non serve. I comitati civici hanno bisogno di una rete ma anche di un contatto umano e quelli a cui sto antipatico valgono doppio. Noi non ci rassegniamo a un futuro di mediocrità, alla cialtronaggine di questo governo. Mettiamoci in cammino e andiamo avanti tutti insieme”.


L'appuntamento: Leopolda 2019

L'appuntamento per l'anno prossimo è già fissato: la Leopolda numero 10 comincerà il 25 ottobre 2019 “in occasione dai dieci anni dalla pedonalizzazione di Piazza Duomo”.

Ultime notizie