mercoledì, 28 Settembre 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaSan Lorenzo, ore contate per...

San Lorenzo, ore contate per gli ambulanti che non pagano

E' guerra aperta ormai tra Palazzo Vecchio e il mercato di San Lorenzo. Dopo l'annuncio dello “sfoltimento dei banchi” lanciato nei giorni scorsi dal sindaco, adesso il vice Nardella dà un ultimatum a chi non paga la Cosap: uno su quattro.

-

Pubblicità

E’ guerra aperta ormai tra Palazzo Vecchio e il mercato di San Lorenzo. Dopo l’annuncio dello “sfoltimento dei banchi” lanciato nei giorni scorsi dal sindaco, adesso il vice Nardella dà un ultimatum a chi non paga la Cosap: uno su quattro.

EVASIONE. “Un ambulante su quattro non paga la tassa di occupazione del suolo pubblico – dichiara oggi Dario Nardella – in alcuni casi dal 2007”. Uso che ha fatto lievitare il conto delle risorse evase complessivamente a “circa 400mila euro”.

Pubblicità

ULTIMATUM. “Presto il Comune invierà i solleciti a corrispondere quanto dovuto – annuncia il vicesindaco – a quel punto gli ambulanti avranno tempo 60 giorni per versare le somme richieste,dopodiché scatteranno sanzioni, dalle quali non è esclusa la revoca della licenza”.

SFOLTIMENTO. Un avvertimento che suona quasi come una minaccia, lasciata cadere in mezzo alla trattativa per lo “sfoltimento” del mercato. La necessità di “decongestionare il mercato”, in favore di una maggiore qualità e fiorentinità dell’offerta, è stata ribadita da Renzi fin da quando ha messo piede a Palazzo Vecchio. A supporto della sua tesi, durante uno dei primi consigli comunali, si presentò con una maglietta di una squadra di calcio (tarocca) e una statua della Torre di Pisa.

Pubblicità

RIVOLUZIONE IN CORSO. Se gli scorsi mesi sono stati segnati dalla rivoluzione del mercato coperto (con tanto di polemiche da parte degli ortolani storici sfrattati dal primo piano), tra settembre e l’inizio dell’anno nuovo potrebbe dunque toccare alle bancarelle esterne. Molte licenze, infatti, sono in scadenza a fine anno.

Pubblicità

Ultime notizie