venerdì, 3 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaScarpe e drappo rosso per...

Scarpe e drappo rosso per dire no alla violenza contro le donne

Scarpe rosse in Santa Croce, un drappo dello stesso colore esposto dal balcone del terrazzino di Palazzo Vecchio. Ecco le iniziative in città in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

-

Scarpe e drappo rosso per dire no alla violenza contro le donne, ma non solo. Sono diverse le iniziative in programma in città in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

CONSIGLIO COMUNALE. Il consiglio comunale (in programma alle 14.30 nel Salone dei Duecento) sarà dedicato prevalentemente a questo tema con le comunicazioni dell’assessore Cristina Giachi e della presidente della commissione Pari opportunità Maria Federica Giuliani. Durante la giornata, dalle 16.30 alle 17.30 si svolgerà, sempre nel Salone dei Duecento, una performance di voci e parola per le donne a cura de le Persone Libro dell’associazione Donne di Carta (vedi sotto). La seduta si svolgerà come di consueto con la comunicazione del presidente Giani e le domande di attualità dei consiglieri. Seguiranno le interrogazioni su temi come Firenze Fiera, l’adesione alla settimana europea per la riduzione dei rifiuti, l’alienazione dei mezzi elettrici del Comune e del car sharing, le occupazioni abusive, il Luna Park. Fra le mozioni in discussione l’argomento slot machine, l’utilizzo proventi tassa di soggiorno per illuminazione natalizia.

IL DRAPPO ROSSO. Su iniziativa della commissione Pari opportunità oggi, in occasione della giornata internazione per l’eliminazione della violenza contro le donne, sarà esposto un drappo rosso dal balcone del terrazzino di Palazzo Vecchio. “In questo modo – ha detto la presidente Maria Federica Giuliani – aderiamo all’iniziativa lanciata su internet lo ‘Sciopero delle donne’ a ricordo ed in memoria delle donne vittime di femminicidio. Alle donne – ha aggiunto Giuliani – vanno riconosciuti diritti, autodeterminazione, libertà, dignità e rispetto. Il femminicidio è un fenomeno strutturale, è necessario cambiare profondamente la cultura che alimenta le tante forme di violenza contro le donne, dalla disparità fra sessi nel mondo lavorativo alle violenze domestiche, dalle pressioni psicologiche alla morte, passando per le molestie, linguaggi sessisti e prevaricazioni”.

LA PERFORMANCE. La Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne sarà celebrata lunedì durante il consiglio comunale con una performance di voci e parola per le donne (dalle 16.30 alle 17.30) a cura de Le Persone Libro dell’associazione Donne di carta. L’associazione Donne di Carta è la portavoce in Italia del Proyecto Fahrenheit 451, fondato a Madrid da Antonio Rodriguez Menendez con l’obiettivo di promuovere la lettura e recuperare i valori dell’oralità e della memoria, come strumenti di condivisione e di relazione sociale. Le Persone Libro sono lettori e lettrici che imparano a memoria brani di opere che amano e vanno in giro ovunque a “dirli” per trasmettere e condividere, con gli altri, le emozioni che hanno provato. Ecco i brani scelti: Una finestra da “ E’ solo la voce che resta” di F. Farrokhzad ; Requiem di I. Santacroce; Da uomo a uomo, Lettera aperta sulla violenza maschile; Niente ci fu, la storia di Franca Viola di B. Monroy; La ballata delle donne di E. Sanguineti; L’amore molesto di E. Ferrante; Venivamo tutte dal mare di J. Otsuka; Dalla parte delle bambine di E. Gianini Belotti; Cosa vuole una donna di A. Bocchetti; La passeggiatina di C. Lispector; Il corpo non sbaglia di L. Castellani; Ondina se ne va di I. Bachmann; La mia gonna corta di E. Ensler; Stupro di A. Merini; F, 48 anni, una figlia, impiegato da “Perché l’ho fatto, la parola agli uomini”, in la 27esima ora; Donna al piano di B. Mac Laverty; Lunario di settembre (Il processo di Nogaredo) di I. Fossati e A. Lamberti Bocconi; Falso e vero di G. De Carli; Le scarpette rotte di N. Ginzburg; Sulla terra di F. Farrokhzad; Estratto dalla Costituzione; Se questi sono gli uomini di R. Iacona; Schiaffi volanti, pugni rotanti di M. Murgia (estratto da articolo sito Liberos); Spaghetti paradiso di N. Persico; Lezioni d’amore di P. Valduga; Donne che amano troppo di R. Norwood; I Promessi Sposi di A. Manzoni; Uno psicologo nei lager di V. Frankl; Amabili resti di A. Sebold; Il passato e una terra straniera di G. Carofiglio; La chimera di S. Vassalli; L’arte della gioia di G. Sapienza; Il caso Franza di I. Bachmann; L’analfabeta di A. Kristof; Lettera da Kirghisia di Silvano Agosti, Delitti esemplari di M. Aub; Le città invisibili di I.Calvino; Ferite a morte di Serena Dandini
Saranno presenti le Persone Libro di Firenze, Valdarno e Roma.

SANTA CROCE. Piazza Santa Croce, invece, questa mattina si è riempita di scarpe rosse, in ricordo delle vittime della violenza e per tenere alta l’attenzione sul tema del femminicidio.

Ultime notizie