martedì, 22 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Scatta (in anticipo) l'esodo di...

Scatta (in anticipo) l’esodo di Pasqua: ecco tratti e giorni a rischio

Partono (in anticipo) i classici spostamenti pasquali su strade e autostrade. Ecco i giorni e i tratti più a rischio-code.

-

Partono (in anticipo) i classici spostamenti pasquali. E sulla rete di Autostrade per l’Italia è “tutto pronto per favorire al meglio gli spostamenti degli italiani. Le nostre 10 sale operative – spiega una nota – monitoreranno continuamente gli spostamenti 24 ore su 24, pronte a coordinare qualsiasi intervento per l’assistenza agli automobilisti”.

QUANDO. Con la chiusura delle scuole, molte famiglie si metteranno in viaggio fin dal pomeriggio di mercoledì 20, per raggiungere i luoghi d’origine o per trascorrere qualche giorno di vacanza. Le partenze dalle grandi città proseguiranno poi nelle giornate di giovedì 21, venerdì 22 e sabato 23 aprile. I rientri, invece, si concentreranno lunedì 25 aprile (dalle 16 alle 22) e per l’intera giornata di martedì 26 aprile. Se il tempo sarà clemente, inoltre, lunedì di Pasquetta sarà caratterizzato dai tradizionali spostamenti in uscita, al mattino, dai principali centri urbani.

METE. Tra le mete preferite degli italiani in viaggio ci sono le località di villeggiatura e le città d’arte. In particolare, i flussi saranno intensi in direzione di Roma, per i numerosi turisti e pellegrini che parteciperanno alle tradizionali celebrazioni religiose. Atteso anche l’arrivo dei turisti stranieri provenienti dai Paesi confinanti, Austria, Francia, Svizzera e Slovenia con un aumento del traffico ai valichi.

MEZZI PESANTI E CANTIERI. Per agevolare gli spostamenti, i mezzi pesanti non potranno circolare venerdì 22 dalle 16 alle 22, sabato 23 dalle 8 alle 16 e domenica 24 e lunedì 25 dalle 8 alle 22. Rimossi – fa sapere Autostrade – anche tutti i cantieri, ad eccezione di quelli per interventi urgenti di ripristino della sicurezza, di alcuni improcrastinabili che saranno prontamente rimossi in caso di traffico e di quelli di lunga durata per gli interventi di potenziamento della rete autostradale, in corrispondenza dei quali, comunque, non viene ridotto il numero di corsie.

TRATTI A RISCHIO. I flussi di traffico saranno più intensi lungo la direttrice nord-sud sull’A1 e sull’A14 Adriatica: sulla A1 tra Milano e Parma, da Bologna a Firenze nord (possibili rallentamenti nel tratto appenninico), tra Firenze sud ed Incisa, in uscita dalla Capitale sia verso Napoli (possibili rallentamenti fino a Valmontone) sia verso Firenze. Sulla A14 da Bologna verso Cattolica (possibili rallentamenti all’altezza del nodo di Bologna). Traffico atteso, inoltre, anche in Lombardia sull’A4 (Milano-Brescia), sull’A9 (alla Dogana con la Svizzera) e sulla rete autostradale ligure (A10, A12 e A6) per l’arrivo dei turisti ma anche per la concomitanza dell’esposizione internazionale “Euroflora” alla Fiera di Genova. Flussi in aumento infine in Toscana sull’A11 in direzione della Versilia, in uscita dalla Capitale sull’A24 verso le località abruzzesi, sull’A12 Roma-Civitavecchia ed in Campania sull’A3 verso Salerno e la costiera amalfitana.

In gita a Pasqua? Io vado col trenoMeteo, fiato sospeso per PasquaPiù turisti a Firenze. Aspettando Pasqua

Ultime notizie

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Pisa

Nardini e Mazzeo fanno il pieno di preferenze, in consiglio anche Meini: i candidati eletti e tutte le preferenze della circoscrizione Pisa

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Lucca

I candidati eletti e tutte le preferenze della circoscrizione Lucca: passano Puppa, Mercanti, Montemagni e Fantozzi

Fiera Scandicci 2020: più date in programma, gli eventi

Area espositiva più piccola, ma con maggiore tempo per visitarla. E poi stand tematici che cambiano di settimana in settimana. Le novità di Scandicci Fiera 2020 e gli appuntamenti

Paesi con divieto di ingresso in Italia: ecco quelli che non possono entrare

Solo i cittadini di certi paesi possono entrare in Italia senza restrizioni: per alcuni resta l'obbligo di quarantena, una quindicina i paesi bloccati