venerdì, 14 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaSciopero Cobas: occupato il cantiere...

Sciopero Cobas: occupato il cantiere dell’alta velocità

E' stata un'occupazione simbolica del cantiere dell'alta velocità nella zona degli ex Macelli, a concludere la manifestazione organizzata a Firenze, dai Cobas.

-

L’occupazione simbolica del cantiere dall’alta velocità, 2500 persone secondo gli organizzatori, alcuni muri imbrattati e disagi al traffico. Cronaca di un’ordinaria giornata di mobilitazione a Firenze, in occasione dello sciopero generale proclamato dai Cobas. Intanto a Massa si è svolto il corteo della Fiom.

OCCUPAZIONE SIMBOLICA. E’ stata un’occupazione simbolica del cantiere dell’alta velocità nella zona degli ex Macelli, a concludere la manifestazione organizzata a Firenze dai Cobas. Inizialmente il corteo, partito da piazza San Marco alle ore 9, doveva arrivare al Polo universitario di Novoli, ma c’è stata una deviazione “dell’ultimo minuto” nei pressi del cantiere dove è prevista la costruzione della stazione AV progettata da Foster.

2500 PERSONE. Secondo gli organizzatori sono stati 2500 i partecipanti, tra loro anche studenti,  rappresentanti dei Comitati No Tav, Lotta per la casa e precari della scuola. Durante il corteo sono state lanciate uova contro alcuni edifici e tracciate scritte sui muri, come “Cisl servi”, con una stella rossa.

TRAFFICO IN TILT. Disagi al traffico si sono registrati questa mattina soprattutto sui viali, dove la viabilità è andata in tilt. Su viale Fratelli Rosselli e su viale Belfiore, la circolazione è rimasta bloccata per circa 20 minuti. Numerosi i disagi per gli utenti Ataf.

IN 15MILA A MASSA. Oggi era il giorno anche  di un altro sciopero, quello indetto dalla Fiom. La manifestazione regionale si è svolta a Massa,con partenza dalla sede della Eaton, fabbrica-simbolo della lotta per il lavoro in Toscana. Tra i più fotografati, un gruppo di operai che ha sfilato con indosso la maschera di Berlusconi e la tuta rossa della Fiom.

Ultime notizie