sabato, 19 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Sicurezza. L'alternativa della Toscana

Sicurezza. L’alternativa della Toscana

Convocato d'urgenza, dal vicepresidente della Regione, un tavolo sulla sicurezza urbana e la legalità. Si è tenuto stamani a Firenze, per discutere sugli effetti in Toscana della nuova normativa nazionale su sicurezza e immigrazione.

-

La proposta che è emersa dalla discussione: un modello alternativo per garantire la sicurezza, la lotta al degrado e il rispetto delle regole. Un progetto politico che non si basa sulle ronde, ma su forze di polizia preparate, dotate dei migliori mezzi, meglio inserite nelle varie comunità e più capaci di operare grazie a una effettiva partecipazione dei cittadini alle scelte strategiche.

“Purtroppo – ha spiegato il vicepresidente – abbiamo poche competenze per contrastare scelte gravissime quali quella relativa all’introduzione del reato di clandestinità, fatto che per la prima volta nell’Italia democratica consentirà di condannare persone per quello che sono e non per quello che hanno fatto. Però possiamo fare molto per dimostrare che la sicurezza non si raggiunge con la demagogia delle risposte viscerali piuttosto che col buon senso. E su questo terreno non ci limiteremo a contestare, perché vogliamo dimostrare che il diritto a città sicure e vivibili si può perseguire anche con altre strade”.

“In questo senso – ha concluso il vicepresidente – la nostra proposta di legge contro il degrado e per la sicurezza sarà un banco di prova che farà della Toscana un vero e proprio laboratorio di un modello alternativo“.

Quanto alle ronde, la Regione mira ad un confronto permanente e democratico tra amministrazioni, cittadinanza e polizia locale sulle priorità nelle varie comunità di cittadini. A tale scopo è prevista l’istituzione di Conferenze per la vivibilità cittadina, in tutti i comuni con una popolazione superiore a diecimila abitanti, e la promozione, almeno ogni sei mesi, di momenti di partecipazione e incontro con la popolazione, anche a livello di frazione o quartiere

La Regione intende inoltre promuovere in tutte le province toscane l’istituto della mediazione, per poter liberare gli uffici giudiziari da tanti contenziosi che si trascinano per anni e anni, gravando pesantemente sulla vita di tanti cittadini.

 

Ultime notizie

La Rondine di Puccini al Teatro del Maggio musicale fiorentino

Molte accortezze anti-Covid, ma ancora tanta voglia di fare spettacolo. Al Maggio torna un titolo riscoperto del repertorio pucciniano

Il concerto dei Bowland a Villa Bardini (in streaming)

Un'esibizione speciale che sarà trasmessa sui social. Lattexplus lancia un nuovo progetto che lega insieme musica e location esclusive

Tessera elettorale smarrita o piena: cosa fare per ritiro, cambio o rinnovo

Persa, danneggiata o rubata: la procedura da seguire per richiedere il documento essenziale al momento del voto