sabato, 4 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & Politica''Souvenir per Firenze": i gadget...

”Souvenir per Firenze”: i gadget realizzati a mano dagli artigiani

Ideati da giovani designer, sei oggetti unici, tanto innovativi quanto tradizionali, sono in vendita da oggi al Bookshop di Palazzo Vecchio e da Mandragola in Piazza Duomo.

-

Oggetti unici, che richiamano tradizione e contemporaneamente innovazione, che narrano il “sapere” degli artigiani e che raccontano Firenze. Dalla Cupola del Brunelleschi alle volute di Santa Maria Novella, passando per la Torre di Arnolfo, le immagini-simbolo di Firenze trovano nuovi utilizzi, grazie all’estro di giovani designer, e diventano originali souvenir, frammenti di bellezza da portare a casa.

SOUVENIR. Il lavoro dei designer selezionati sul territorio fiorentino, tutti d’età compresa tra i 16 e i 35 anni, ha prodotto sei oggetti tutti diversi, realizzati secondo la tradizione artigianale cittadina, che hanno l’ambizione di diventare i nuovi “oggetti ricordo” in vendita per tutti quei turisti e amanti della città di Firenze che hanno voglia di portarne “un pezzo” via con sé. La natura di questi piccoli capolavori è varia: ci sono cartoline e chiavette Usb (nella foto), una busta da lettere che può diventare un’originale cornice, un porta-uova in maiolica che riprende i tratti della nostra amata Cupola (e a cui, dunque, è stato dato l’emblematico nome di “Duovo”), una gruccia che rende omaggio alla ricercatezza della moda fiorentina ed un braccialetto double-face bianco e rosso che riporta due dei maggiori simboli cittadini, il Duomo e il Giglio. Gli oggetti, accompagnati da un pieghevole illustrativo in italiano e in inglese, si trovano in vendita sia al bookshop di Palazzo Vecchio che al bookshop di Mandragora in piazza del Duomo.
 

GIACHI. “In questi lavori trovo orgoglio e passione – ha rilevato l’assessora all’educazione e alle politiche giovanili Cristina Giachi – il lavoro artigiano accende l’Italia, e la nostra città, come pochi altri temi. Tra questi giovani creativi emerge un mondo tutt’altro che rassegnato perché il made in Florence di alta qualità è un marchio apprezzato che non ha rivali in tutti i mercati del mondo”.

Ultime notizie