martedì, 26 Maggio 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Steward, nessuna sanzione

Steward, nessuna sanzione

Nessuna sanzione da parte della Prefettura, nei confronti della Fiorentina, per il servizio di stewarding allo stadio Franchi. Lo comunica la stessa Prefettura, dopo le notizie apparse negli scorsi giorni su alcuni giornali.

-

Dunque nessuna multa alla società viola per il servizio steward. “In relazione alle notizie apparse in questi giorni sulla stampa locale, relative al servizio di stewarding presso lo stadio di Firenze, la Prefettura precisa di non aver erogato alcuna multa  nei confronti della Società Calcio Fiorentina”, spiega in una nota la stessa Prefettura.

“All’esame degli uffici di palazzo Medici Riccardi – continua la nota – è attualmente pendente il ricorso della stessa società viola avverso un verbale di accertamento della Questura fiorentina per aver utilizzato, come steward in occasione della partita Italia-Belgio del 30 maggio, persone prive dei requisiti soggettivi previsti dall’art. 11 del Testo Unico delle leggi di pubblica sicurezza”.

Ultima precisazione della Prefettura, “è invece all’attenzione dell’Autorità Giudiziaria la vicenda legata allo svolgimento dell’attività di stewarding senza licenza, prevista dall’articolo 134 dello stesso Testo Unico”.

Ultime notizie

Test sierologici sul Covid-19 (gratis), al via le chiamate della Croce Rossa

Parte l'indagine sulla sieroprevalenza, servirà a mappare in tutta Italia la situazione del coronavirus. I volontari della Cri stanno telefonando ai cittadini selezionati dall'Istat

Coronavirus, la mappa del contagio in Toscana

Tutto quello che c'è da sapere sull'andamento dei casi di Covid-19 nella nostra regione: la mappa, i nuovi contagi, i dati per provincia pubblicati nel nuovo bollettino della Regione

Coronavirus, solo cinque nuovi casi in Toscana

È l'aumento giornaliero più basso dal 2 marzo. Le ultime notizie di oggi, 25 maggio, sul contagio da coronavirus in Toscana

Palestra, il rimborso dell’abbonamento dopo il lockdown per il Covid-19

Il decreto rilancio prevede la possibilità di chiedere un rimborso del periodo in cui non si è potuto usufruire degli abbonamenti nei centri sportivi