mercoledì, 30 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Terremoto in Toscana, lieve scossa...

Terremoto in Toscana, lieve scossa nella notte a Camaiore

La stessa zona, una decina di giorni fa, era stata interessata da un altro movimento tellurico

-

La terra torna a tremare in Toscana: una lieve scossa di terremoto è stata avvertita pochi minuti prima delle ore 5.00 di venerdì 20 marzo a Camaiore (Lucca), zona interessata da un altro evento sismico lo scorso 10 marzo. Allora la magnitudo fu di 2.6, quella della scossa del 20 marzo invece è stata di 2.0, si legge sul sito dell’Ingv, l’Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia.

La scossa di terremoto in Toscana (20 marzo)

L’epicentro è stato individuato a sud est di Camaiore, a 4 chilometri di profondità: il lieve terremoto si è verificato alle ore 4.56 ed è stato percepito anche in alcune località della costa a Nord della Toscana, da Viareggio a Pietrasanta. Al momento non si registrano danni a persone o cose. Dettagli sul sito dell’Ingv.

Lo scorso 10 marzo, sempre a Camaiore, molte persone si riversarono in strada durante il pomeriggio per una scossa di terremoto chiaramente percepita anche a Lucca, Pisa e Massa Carrrara.

Ultime notizie

Gli effetti del coronavirus su Firenze (e le prospettive per il futuro)

Dall'overturism all'azzeramento dei flussi. I problemi dell'export e la zavorra della burocrazia. Intervista al professor Aiello, economista e docente dell’Università di Firenze

Collaboratori sportivi, arriva il bonus da 600 euro per giugno 2020

Pubblicato, dopo più di un mese di ritardo, il decreto attuativo: come funziona l'indennità e come fare domanda alla società Sport e Salute

Trekking: la rinascita della “Via degli Dei”, da Firenze a Bologna

Da Bologna a Firenze a piedi, attraversando l’Appennino: è la Via degli Dei, un percorso dalla storia millenaria. Firmato un protocollo per promuovere il turismo slow

Il rischio di sospensione del campionato di Serie A per i positivi Covid

Dopo i 14 giocatori del Genoa risultati positivi al coronavirus ci si interroga su come mettere in sicurezza il mondo del pallone