giovedì, 25 Febbraio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Tiroide, a Pisa passi avanti...

Tiroide, a Pisa passi avanti nella chirurgia

Eseguita a Pisa la prima tiroidectomia robotica transascellare con accesso unico. L’intervento, unico al mondo fuori dalla Corea del Sud, è stato realizzato dall’equipe del professor Paolo Miccoli. Si tratta di un'evoluzione ulteriore della chirurgia tiroidea in senso sia tecnologico che cosmetico, dal momento che non esistono tracce dell’intervento sul collo.

-

È stata eseguita a Pisa, al dipartimento Cardiotoracico dell’Ospedale di Cisanello, la prima tiroidectomia totale robotica attraverso un unico accesso ascellare.

L’INTERVENTO. L’intervento – realizzato dall’equipe del professor Paolo Miccoli, composta dal professor Piero Berti e dai dottori Minuto e Fregoli (nella foto) – è il primo effettuato al di fuori della Corea del Sud, nazione in cui è stata messa a punto la tecnica operatoria, e rappresenta l’evoluzione ulteriore della chirurgia tiroidea in senso sia tecnologico che cosmetico, dal momento che non esistono tracce dell’intervento sul collo.

SVILUPPI. Il nostro Paese sta muovendo i primi passi nella direzione di questa chirurgia: tuttavia, mentre gli altri centri italiani che hanno eseguito l’intervento hanno utilizzato un accesso doppio, di cui uno molto visibile sul petto, per eseguire una tiroidectomia spesso parziale, l’equipe pisana ha operato attraverso un’unica incisione ascellare, limitando ulteriormente le cicatrici visibili.

SISTEMA. L’utilizzo del sistema robotico “Da Vinci” è ideale per questo tipo di chirurgia, tecnicamente complessa ed estremamente delicata, dal momento che permette l’esecuzione di movimenti di precisione assoluta. Per questo, molte altre strutture chirurgiche italiane si stanno attrezzando per eseguire l’intervento, rispondendo così a una richiesta degli stessi pazienti, che per la maggior parte sono donne giovani colpite dalla patologia tiroidea di piccole dimensioni.

Ultime notizie

Zone rosse in Toscana: in arrivo micro-lockdown contro le varianti del Covid

Da Pistoia a Siena passando da alcuni comuni dell'empolese (Firenze:) si pensa a micro zone rosse in Toscana per fermare l'avanzata delle varianti del Covid

Quando esce il nuovo Dpcm Draghi e quando entra in vigore il decreto

Stop alle riaperture e regole anche per Pasqua: quando esce il nuovo Dpcm del governo Draghi, quando entra in vigore e quando scade

Zona arancione e rossa: visita a congiunti, fidanzati e amici fuori comune

Il nuovo decreto Covid del governo Draghi aggiorna le regole sugli spostamenti. Si può andare a casa di congiunti, parenti o amici che abitano in comuni diversi, se ci si trova in zona arancione o rossa?

I comuni della Toscana in zona rossa e quelli a rischio

Alta l'allerta per le varianti del Covid-19. La lista dei comuni a rischio zona rossa si allunga e la Regione potrebbe decidere nelle prossime ore insieme ai sindaci nuovi territori rossi