venerdì, 22 Ottobre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaTorna ''I profumi di Lamole'',...

Torna ”I profumi di Lamole”, la rassegna dedicata al vino del Gallo Nero

Torna l'undicesima edizione de ''I profumi di Lamole'', la tre giorni dedicata al vino del Gallo Nero con musica dal vivo e artigiani del posto all'opera. L'evento. che si terrà dal primo al tre giugno, fa parte della kermesse "Chianti Classico è" promossa dal Consorzio Vino.

-

Torna l’undicesima edizione de ”I profumi di Lamole”, la tre giorni dedicata al vino del Gallo Nero con musica dal vivo e artigiani del posto all’opera. L’evento, dal primo al 3 giugno, fa parte della kermesse “Chianti Classico è” promossa dal Consorzio Vino.

IL PROGRAMMA. Per questa edizione 2012, ”I profumi di Lamole” presenta un programma particolarmente ricco e variegato che accontenterà i gusti di grandi e piccini. Il protagonista assoluto sarà sempre lui: il vino di Lamole. Aprirà le danze quella che negli anni, oltre ad un “rito benaugurale”, costituisce, per i produttori di Lamole, un modo per sancire un’unione consacrata dal pregiato nettare: la cerimonia del IX vino.

IX VINO. Il IX vino è una miscellanea dei vini di Lamole, che vengono versati all’unisono in una grande damigiana. La nuova bottiglia, dalla valenza soltanto simbolica, ha tuttavia una sua etichetta, che viene rinnovata di anno in anno ed è molto ricercata dai collezionisti. Si entra poi nel vivo della manifestazione acquistando il bicchiere griffato, con il quale si può iniziare il percorso di degustazione agli stand, sotto l’abile guida dei produttori-sommelier, che racconteranno il vino in tutte le sue sfaccettature.

NON SOLO VINO. Ma ”I profumi di Lamole 2012” offrirà anche tanto altro: ci saranno gli artigiani del posto all’opera, la musica dal vivo con il gruppo “Canzoni italiane di un tempo…”, la possibilità di far divertire i bambini grazie ad un’animazione studiata appositamente per loro. E non solo. Nel contesto di un borgo dove prodotti tipici e paesaggi si fondono per offrire qualcosa di unico ai visitatori, si potrà degustare anche l’olio prodotto a Lamole, un olio fruttato e aromatico naturalmente biologico. Questo perché i parassiti, che attaccano gli olivi, non sopravvivono a causa dell’altitudine e quindi non è mai stato necessario sottoporli a trattamenti. Novità assoluta di quest’anno una degustazione orizzontale di una grande annata a Lamole, a cura di Davide Bonucci di EnoClub Siena, che si svolgerà domenica 3 giugno a partire dalle 11,30.

IL LAMOLESE D.O.C.G. Sei anni fa nacque addirittura un premio legato a “I Profumi di Lamole”: il “Lamolese D.o.c.g.”, ovvero un riconoscimento attribuito a un giornalista del settore enogastronomico che si è particolarmente interessato a Lamole. Negli anni il premio ha portato a Lamole nomi prestigiosi: Leonardo Romanelli, Davide Paolini, Marcello Masi, Carlo Macchi, Alessandro Masnaghetti. Il prescelto di questa undicesima edizione è Ernesto Gentili, punta di diamante del giornalismo enologico italiano. Per lui è già pronta una scultura in ferro battuto raffigurante una pianta di giaggiolo, fiore tipico del paesaggio di Lamole, eseguita da un artigiano del luogo, Arturo Badii, che verrà consegnata venerdì 1° giugno alle 17, subito dopo il taglio del nastro de “I Profumi di Lamole” edizione 2012.

Ultime notizie