Circa 7000 volontari consegneranno all’ingresso di 412 supermercati che hanno aderito all’iniziativa una busta per la spesa delle solidarietà, che chi vorrà potrà riempire con alcuni prodotti, tra i quali sono stati suggeriti olio, omogeneizzati, alimenti per l’infanzia, tonno e carne in scatola, pelati e legumi. Le buste verranno distribuite a circa 70.000 indigenti in Toscana, tramite 478 enti convenzionati con il Banco Alimentare della Toscana.

L’anno scorso più di 350.000 persone hanno aderito all’iniziativa e sono stati raccolti 713.064 chilogrammi di prodotti, distribuiti a oltre 57.000 persone. Per partecipare come volontari è necessario telefonare all’Associazione Banco Alimentare della Toscana allo 055.8874051, mentre per sapere quali supermercati aderiscono è possibile consultare il sito www.bancoalimentare.it.

“Non possiamo non essere vicini agli organizzatori e ai destinatari della Colletta, soprattutto in questo periodo, durissimo, di recessione – spiega Renzi – La Colletta è anche un modo concreto per dire che possiamo farcela, insieme, ad affrontare e scolgliere i nodi di povertà che si stringono intorno alla vita di tanti”.

“La durezza del tempo presente colpisce ormai tutto il nostro popolo. La solitudine e la fragilità dei legami familiari e sociali rendono le persone ancora più povere, in uno scenario economico già allarmante. In questa situazione, il semplice gesto di carità cristiana, che è il condividere la propria spesa con il più povero, è come “accendere un accendino nel buio”. L’estraneità e la paura sono sconfitte, può nascere un’amicizia che rilancia nella realtà col gusto di essere nuovamente protagonisti, sostenendosi nella quotidiana fatica del vivere”.