domenica, 20 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Toscana, 10 milioni per promuoverla

Toscana, 10 milioni per promuoverla

piano di investimenti per la promozione della Toscana

-

La giunta regionale ha approvato la delibera attuativa del Piano regionale di sviluppo economico 2007/2010 relativa alle attività di promozione economica. Sono stati destinati 10 millioni e centomiale euro alla promozione del Sistema Toscana per l’anno 2009.

Le risorse saranno destinate ai settori tradizionali dell’agricoltura, dell’artigianato, della PMI industriale e del turismo. In linea con le novità apportate nel marzo scorso con la valenza pluriennale delle linee direttrici, il piano riflette nella sua articolazione tale scelta innovativa.

Quest’anno è stata apportata una fondamentale innovazione al Piano regionale: per la prima volta è stato diviso in due aree distinte. Nella prima sono definite le azioni con una ricaduta diretta a favore del sistema delle imprese, ovvero “I servizi per l’internazionalizzazione del sistema delle imprese”; nella seconda le iniziative che hanno come scopo quello di valorizzare la Toscana come territorio di destinazione di potenziali investimenti diretti dall’estero e come regione delle eccellenze produttive, culturali, formative e cognitive, ovvero attività di “Promozione dei sistemi produttivi territoriali ed attrazione degli investimenti”.

L’obiettivo fondamentale è quello di garantire a tutti gli attori tempi certi di implementazione delle iniziative, maggiore trasparenza nelle scelte e maggiore coerenza tra le strategie, gli strumenti e le attività.

Ultime notizie

La Fiorentina sorride. Battuto il Toro

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: tutti i dati sull’affluenza

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari a partire dalle ore 12 del 20 settembre. Sulle previsioni pesa l'incognita Covid

La Rondine di Puccini al Teatro del Maggio musicale fiorentino

Molte accortezze anti-Covid, ma ancora tanta voglia di fare spettacolo. Al Maggio torna un titolo riscoperto del repertorio pucciniano